Ancona, triplo record per Greco: 16,56!




 

Solo due salti. Ma l'ultimo è quello giusto. Non si smentisce Daniele Greco, che sulla pedana del Palaindoor di Ancona trova ancora l'hop-step-jump di un nuovo primato: 16,56 (15,61 al secondo salto). Il triplista delle Fiamme Oro, allenato dal tecnico Raimondo Orsini, scrive così il suo nome accanto alla nuova migliore prestazione italiana under 23, spodestando il 16,37 saltato il 23 febbraio 1997 a Genova dal primatista assoluto della specialità Fabrizio Donato. Un anno fa su questa stessa pedana Greco, aveva fatto suo con 16,12 m anche il record juniores indoor superando quello di Andrew Howe.  

"Ho avuto qualche problema di mal di schiena nei giorni scorsi, risolto grazie al prezioso intervento del mio fisioterapista Paolo Bernardi. In questo ultimo periodo abbiamo fatto parecchi allenamenti tecnici e provato le rincorse. Ero venuto ad Ancona per tornare ad annusare l'atmosfera della gara. Sinceramente ci tenevo a ripartire con un risultato oltre i 16 metri, ma non mi aspettavo subito una misura del genere. Con il triplo ci rivediamo ai Giovanili indoor. Domani penso di correre i 60."  

Nella stessa gara, secondo posto per Michele Boni (Aeronautica) atterrato a 15,74, mentre l'allievo, compagno di allenamenti di Greco, Leonardo Pasqual Bruno (Italgest Salento Atl. Matino) è arrivato sesto saltando 14,37 m. Nei 60hs Marta Tomassetti (Esercito) vince in 8.42 (8.45 b) sulla promessa Veronica Borsi (Fiamme Gialle), al traguardo in 8.46. Sulle barriere alte maschili cronvo vincente, 7.94, per Sergio Castronovo (Pol. Libertas Catania), davanti al 7.97 del carabiniere Carlo Alberto Mainini. Nei 200 femminili, il miglior crono è stato il 24.96 corso dall'allieva Francesca Romana Cattaneo (Cariri).

Negli 800, Daniela Reina (Fiamme Azzurre) debutta e vince in 2:07.56. Un buon inizio per l'ex primatista assoluta del giro di pista, protagonista di una gara in solitaria dall'inizio alla fine, in una specialità in cui sembra voler trovare la sua nuova strada. Tania Vincenzino (Esercito) si impone nel lungo con 6,38 sul 6,22 di Valeria Canella (Fiamme Azzurre).



Condividi con
Seguici su: