Cadetti con 4 medaglie, Barontini e Balloni oro

12 Ottobre 2014

La rappresentativa under 16 sale all’ottavo posto nella rassegna tricolore a Borgo Valsugana

 

Gran finale per la squadra marchigiana under 16 ai Campionati italiani cadetti Kinder+Sport Cup di Borgo Valsugana, in provincia di Trento. Una formidabile rimonta nella seconda giornata consente infatti di conquistare l’ottavo posto nella classifica combinata, con la somma dei punteggi maschili e femminili, salendo di una posizione rispetto alle due precedenti edizioni. Anche dal punto di vista individuale arriva il miglior risultato del recente passato: due ori e due argenti, come non accadeva dal 2009, grazie alle vittorie nel lancio del disco di Marco Balloni (Asa Ascoli Piceno) e sui 1200 siepi di Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), entrambi classe 1999, che si laureano campioni italiani di categoria. Seconda posizione invece per Elisabetta Vandi (Atl. Avis Fano-Pesaro) sui 300 metri e Alex Paolucci (Sport Atl. Fermo) nel getto del peso, mentre in tutto sono otto i piazzamenti da finale.
 
Partiva infatti con i favori del pronostico Marco Balloni (Asa Ascoli Piceno): il discobolo non delude le attese e si impone con oltre sei metri di vantaggio sul secondo classificato. Nel lancio di apertura mette subito le cose in chiaro con 43.11, poi il 47.49 che diventa irraggiungibile per gli avversari. Alto 186 centimetri per 87 chili, è stato notato dal maestro dello sport Armando De Vincentis mentre usciva dalla palestra scolastica in cui praticava basket di fronte al campo scuola di Ascoli, e da lì ha iniziato: con il peso, nel gennaio dello scorso anno, e dopo tre mesi con il disco. All’anagrafe è Marco Giuseppe, con il secondo nome in ricordo del nonno venuto a mancare poco prima della sua nascita. Frequenta l’Itis indirizzo meccanico e tra le sue grandi passioni c’è anche la moto. “Ma con il disco provo ancora più emozioni, da quando ho capito come trasformare la tensione in motivazione. Avere un allenatore come De Vincentis per me è una fortuna, so che devo ancora migliorare ad esempio nella velocità del gesto, però questo mi dà maggiori speranze per il futuro”. Continua in questo modo la grande tradizione del disco ad Ascoli: in precedenza erano stati Nazzareno Di Marco (nel 2000), Alessandro Botti (2002) e Daniele De Santis (2004-2005) ad aggiudicarsi il titolo italiano under 16.
 
Entusiasmante la gara dei 1200 siepi, dominata da Simone Barontini (Sef Stamura Ancona) che dimostra di essere il più forte tra i partecipanti, realizzando anche la nuova miglior prestazione italiana con 3’20”71 per una gara introdotta nuovamente quest’anno nel programma dei cadetti. All’inizio controlla nelle prime posizioni del gruppo, fino a portarsi in testa quando sta per iniziare l’ultimo giro. Quando mancano 300 metri al traguardo piazza il cambio di ritmo decisivo, supera bene anche la barriera conclusiva e si lascia alle spalle tutti gli avversari. Primo titolo italiano anche per il suo tecnico Fabrizio Dubbini, che lo ha condotto a questo risultato con gli allenamenti al Conti di Ancona. Insieme a lui festeggia un numeroso gruppo di amici e parenti, venuti a seguirlo in Trentino per questa occasione, ma anche la squadra marchigiana che lo incita a gran voce. Il nuovo campione tricolore si è avvicinato l’atletica quattro anni fa soprattutto per la comodità della mamma che, quando la sorella ha iniziato a fare attività fisica, li ha iscritti alla stessa società di atletica, la Stamura. E dopo aver provato tanti sport in precedenza, è nata la passione aumentando l’impegno dallo scorso inverno (nel mese di marzo è stato quarto ai campionati italiani di corsa campestre) e anche durante l’estate, in vista di un obiettivo centrato in pieno. “Ho anche provato qualche volta la riviera, che affronterò da allievo nella prossima stagione: è molto divertente”. Frequenta il terzo anno di ragioneria ed è un appassionato di softair, una guerra simulata all’aria aperta.
 
Medaglia d’argento sui 300 metri con 40”64 per Elisabetta Vandi (Atl. Avis Fano-Pesaro), preceduta soltanto dalla goriziana Mara Lavrencic (39”86). Ma la figlia d’arte, seguita dalla mamma Valeria Fontan e da papà Luca (entrambi azzurri negli anni Ottanta), è alla prima stagione nella categoria under 16 e potrà quindi riprovare nella prossima edizione a conquistare il titolo italiano cadette vinto due volte dalla sorella Eleonora sui 1000 metri (nel 2010 e 2011).

Se la prima è una mezzofondista, la più giovane invece preferisce le gare veloci e interpreta alla perfezione il ruolo di capitana della formazione marchigiana femminile. Oltre a guidare il tifo dalla tribuna, dipinge viso e capelli di verde: il colore della rappresentativa targata Banca Marche e Göba. Nel peso Alex Paolucci (Sport Atl. Fermo) è protagonista di una gara superlativa: l’atleta allenato da Roberto Recchioni migliora per due volte il record personale con 15.21 al secondo lancio e poi un eccellente 16.10 al terzo. Con questa bella prestazione riesce così a riscattare le delusioni della scorsa stagione (tre nulli agli Studenteschi di Roma, decimo posto ai Tricolori cadetti di Jesolo). In passato ha fatto rugby, ma dopo l’infortunio di un compagno di squadra ha deciso di passare all’atletica ed è migliorato anche grazie a una dieta, in cui ha eliminato il cibo-spazzatura.
 
Tra le prime otto anche la staffetta 4x100 femminile in 49”37 con la lunghista Martina Ruggeri (Atl. Fabriano), Elisabetta Vandi (Atl. Avis Fano-Pesaro), poi Camilla Curzi (Atl. Senigallia), la sprinter seguita dall’ex marciatore Carlo Mattioli e che ha vinto un concorso letterario nazionale con una sua poesia, infine in ultima frazione Elisa Maggi (Atl. Fabriano), studentessa del liceo classico pedagogico allenata da Massimiliano Poeta. Undicesima invece la 4x100 cadetti con Luca Sordoni (Sport Dlf Ancona), Michele Diletti (Atl. Recanati), Riccardo Flamini (Sport Atl. Fermo) e Niccolò Giacomini (Sef Stamura Ancona) in 46”27. Sui 1000 metri in 2’41”59 è dodicesimo Federico Falappa (Atl. Amatori Osimo), di Filottrano, che ha iniziato a correre due anni fa in preparazione alla Contesa dello stivale sotto la guida di Giuseppe Carbonari, e da allora non ha più smesso. Tra le donne in 3’09”43 coglie lo stesso piazzamento Alice Principi (Atl. Avis Macerata), di Montecosaro, figlia dell’ex mezzofondista Valerio e per l’occasione sfoggia lunghe unghie smaltate di verde. E’ allenata da Maurizio Iesari che segue anche Samira Amadel (Atl. Avis Macerata), al 13° posto nei 1200 siepi in 4’12”08. Nel peso 12° Mirco Capponi (Asa Ascoli Piceno) con 12.67: suo zio è il pluricampione italiano Paolo e si prepara sotto la guida di Luigi De Santis come la pesista Erika Falcioni (Asa Ascoli Piceno), tredicesima grazie al personal best di 10.44 (è la cugina della martellista Sara Pizi). Quattro record personali nel pentathlon per Daniele Cingolani (Atl. Avis Macerata), di Tolentino: un totale di 3062 punti per l’allievo di Alessandro Fineschi. Si migliora anche Davide Malatesta (Sef Stamura Ancona), quattordicesimo nell’alto con 1.75. Giocava a basket fino a due anni fa (186 centimetri di statura), è allenato da Riccardo Mariotti. Nel pentathlon chiude ventesima Chiara Ferracuti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) con 2575 punti, mentre la giavellottista Teodora Ricci (Collection Atl. Sambenedettese) è ventunesima con 27.11. Ad accompagnare la rappresentativa, per il Comitato regionale, il presidente Giuseppe Scorzoso e il fiduciario tecnico Mauro Ficerai, insieme ai tecnici Angelo Angeletti, Ermenegildo Baldini, Sandro Bernardi, Sergio Biagetti, Guglielmo Colucci, Robertais Del Moro, Gino Falcetta, Massimo Marussi e Roberto Recchioni.

 
RISULTATI (riepilogo completo)
1° Simone Barontini (Sef Stamura Ancona) 1200 siepi 3’20”71 MPI
1° Marco Balloni (Asa Ascoli Piceno) disco 47.49
2° Alex Paolucci (Sport Atl. Fermo) peso 16.10 pb
2. Elisabetta Vandi (Atl. Avis Fano-Pesaro) 300 metri 40”64 fin. A, 40”61 batt.
5° Giorgio Olivieri (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) martello 53.96
5. Benedetta Dell’Osso (Atl. Fabriano) martello 43.86 pb
7. Linda Lattanzi (Atl. Fabriano) disco 29.32 pb
7. Martina Ruggeri (Atl. Fabriano), Elisabetta Vandi (Atl. Avis Fano-Pesaro), Camilla Curzi (Atl. Senigallia), Elisa Maggi (Atl. Fabriano) 4x100 metri 49”37
10° Luca Sordoni (Sport Dlf Ancona) triplo 12.85 (+1.1) pb
11. Luca Sordoni (Sport Dlf Ancona), Michele Diletti (Atl. Recanati), Riccardo Flamini (Sport Atl. Fermo), Niccolò Giacomini (Sef Stamura Ancona) 4x100 metri 46”27
11° Alessio Bompezzo (Atl. Castelfidardo Criminesi) giavellotto 42.18
12° Federico Falappa (Atl.

Amatori Osimo) 1000 metri 2’41”59
12. Alice Principi (Atl. Avis Macerata) 1000 metri 3’09”43
13° Daniele Cingolani (Atl. Avis Macerata) pentathlon 3062 pb; 100hs: 15”06 (+0.4) pb; alto: 1.69; giavellotto: 25.90 pb; lungo: 5.93 (+0.7) pb; 1000: 3’06”80 pb
13. Samira Amadel (Atl. Avis Macerata) 1200 siepi 4’12”08
13. Nikita Lanciotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) asta 2.60
13. Erika Falcioni (Asa Ascoli Piceno) peso 10.44 pb
14° Davide Malatesta (Sef Stamura Ancona) alto 1.75 pb
14. Alessandra Tavoni (Sport Dlf Ancona) alto 1.55
14. Martina Ruggeri (Atl. Fabriano) lungo 4.80 (+0.4)
17° Jacopo Alfonsi (Collection Atl. Sambenedettese) 300 ostacoli 43”29 pb
17° Mattia Perugini (Atl. Avis Macerata) asta 3.40 pb
18. Sofia Di Castri (Atl. Avis Macerata) triplo 10.34 (-0.5)
19° Pietro Novelli (Collection Atl. Sambenedettese) 100 ostacoli 15”45 (-0.2)
19° Fabio Ciriaci (Atl. Avis Macerata) 2000 metri 6’04”82 pb
19° Fabio Santarelli (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) lungo 5.80 (+0.1)
19. Camilla Curzi (Atl. Senigallia) 80 metri 10”53 (+1.0)
20° Niccolò Giacomini (Sef Stamura Ancona) 80 metri 9”76 (-0.1)
20. Chiara Ferracuti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) pentathlon 2575; 100hs: 14”10 (+1.7); alto: 1.35; giavellotto: 15.23; lungo: 4.38 (-0.1); 600: 2’00”94
21. Teodora Ricci (Collection Atl. Sambenedettese) giavellotto 27.11
22° Michele Diletti (Atl. Recanati) 300 metri 38”98
23° Alessio Costantini (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) 5000 marcia 27’01”09 pb
25. Maria Cavalieri (Atl. Avis Macerata) 2000 metri 7’38”32
26. Caterina Paccamiccio (Atl. Amatori Osimo) 300 ostacoli 50”22 pb
31. Claudia Angellotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) 3000 marcia 17’04”21
rit. Micol Zazzarini (Atl. Vallesina) 80 ostacoli
 
Presenti a titolo inviduale:
6° Orges Hazisllari (Asa Ascoli Piceno) martello 52.12
12° Mirco Capponi (Asa Ascoli Piceno) peso 12.67
16. Elisa Maggi (Atl. Fabriano) 80 metri 10”41 (+0.8)
16° Matteo Paci (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) martello 43.98
n.c. Davide Caputo (Asa Ascoli Piceno) martello
80 extra: Riccardo Flamini (Sport Atl. Fermo) 9”71 (-0.2); Amira Salemi (Atl. Chiaravalle) 10”97 (-0.1)


Alex Paolucci (foto di Giancarlo Colombo/FIDAL)


La rappresentativa delle Marche a Borgo Valsugana


La staffetta 4x100 cadette con Elisa Maggi, Martina Ruggeri, Elisabetta Vandi, Camilla Curzi


La premiazione finale della squadra marchigiana rappresentata dal tecnico Robertais Del Moro
(foto di Giancarlo Colombo/FIDAL)


Simone Barontini in azione


Simone Barontini e il tecnico Fabrizio Dubbini


Il discobolo Marco Balloni
(foto di Maurizio Iesari)

File allegati:
- RISULTATI


Condividi con
Seguici su: