CdS, Avis MC conferma l'Argento e TAM promossa




 

Esaltante week-end per l’atletica marchigiana: nelle Finali Nazionali dei Campionati italiani di società, dove erano impegnate ben otto squadre della regione, l’Avis Macerata conferma la formazione maschile nella serie Argento, in cui viene promossa la Tecno Adriatletica Marche femminile. Passaggio alla categoria superiore anche per le ragazze dell’Atletica Montecassiano, seconde nella Finale A3 organizzata in casa, dove pure la Sangiorgese Tecnolift maschile si guadagna un posto in A2. Inoltre, al Memorial Musacchio di Isernia riservato ai cadetti, la rappresentativa delle Marche conquista il trofeo per il quarto anno consecutivo.

Nella Finale Argento di Sulmona (AQ), l’Avis Macerata maschile si piazza quinta, garantendo la propria presenza nella seconda serie nazionale anche per il prossimo anno. Per il sodalizio marchigiano 441,5 punti: lo stesso score dei quarti classificati (l’Athletic Club 96 Bolzano), nella manifestazione vinta dalla Jager Vittorio Veneto con 468. L’avisino Marco Carlini ha vinto il getto del peso scagliando l’attrezzo a 16.95, con il terzo posto di Giovanni Faloci (15.84), autore anche di un secondo posto nel disco con 54.59, soli quattro centimetri dietro a Stefano Lomater del Cus Torino. Piazza d’onore anche per Filippo Reina sui 400 corsi in 48”34, giungendo poi quarto nei 200 (21”97/-0.5), seguito immediatamente da Alessandro Berdini (22”01). Terza la 4x100 (Carlo Nardi, Marco Vescovi, Alessandro Berdini, Marco Scalpelli) in 42”39.

Promozione nella serie A Argento femminile per la Tecno Adriatletica Marche, che ottiene il secondo posto complessivo nella Finale A1 di Formia (LT) con 462 punti, alle spalle soltanto dell’Ilpra Vigevano (481.5), e due vittorie individuali: di Ilaria Narcisi sui 200 (in 24”58/+3.6), che conquista anche la piazza d’onore sui 100 (12”13/+0.2), e di Enrica Cipolloni nell’alto con 1.75, dopo essere stata sesta sui 100 ostacoli in 15”23 (+1.9). Punti importanti grazie ai secondi posti della junior Sara Pizi nel peso (11.66), di Alessandra Dolci nell'alto con 1.65 e di Silvia Del Moro nel triplo (12.03), mentre sono terze la martellista Maria Laura Montelpare (48.61) e la staffetta 4x100, 49”30 per Sara Tulli, Alessandra Dolci, Silvia Del Moro e Ilaria Narcisi. Più dietro nella classifica femminile l’Avis MC (settima, 434.5 punti) e lo Sport Atletica Fermo (nona con 418), che quindi per ora non confermano la presenza in A1. Daniela Reina, tornata a indossare la maglia dell’Avis Macerata, primeggia sui 400 in 54”31 e negli 800 in un tranquillo 2’13”19. Brillanti vittorie anche di Chiara Bonifazi sui 100 ostacoli in 14”39 (+1.9) e della martellista Eleonora Zappitelli con 53.10, mentre è prezioso il secondo posto della mezzofondista junior Alessia Pistilli sui 1500 in 4’36”52; nel triplo Marta Bianchini si piazza terza con 11.90. Per lo Sport Atletica Fermo, affermazione della staffetta 4x100 (Giulia Lattanzi, Yessica Stortini Perez, Francesca Ramini, Ilaria Giretti) in 47”83 e e si comporta bene anche la 4x400 (Michela Rossetti, Giulia Lattanzi, Chiara Cicconi, Federica Finucci), che in 3’59”19 ottiene il secondo posto, così come Sara Degli Esposti sugli 800 (2’14”96). Bene Francesca Ramini sui 100 (12.35/+0.2) e Francesca Montalboddi nei 5 km di marcia, entrambe terze.

Lo Sport Atletica Fermo era schierato anche al maschile, nella Finale A2 di Comacchio (FE): ottavo posto totalizzando 411 punti (vittoria all’Atletica Imola Sacmi Avis con 475,5) e due affermazioni individuali, colte da Andrea Cocchi nei 110 ostacoli (14”54/+0.1) e dall’altista Valentino Teodori (1.97). Positive anche le prestazioni del marciatore Federico Boldrini, secondo nella 10 km, e di Riccardo Palmieri, terzo nell’asta con 4.40.

Nella Finale A3 organizzata in casa, l’Atletica Montecassiano femminile ottiene uno splendido secondo posto con 482,5 punti, valido per la promozione in A2, con la vittoria che va all’Atletica Livorno (514,5). Protagoniste assolute Lara Corradini e Federica De Santis, entrambe autrici di una doppietta: la Corradini si aggiudica i 400 metri in 57”02 e poi anche i 200 in 25”38 (vento 0.0), mentre la De Santis è prima nel triplo (12.81/+0.1) e nel lungo (5.73/+1.9). Bella affermazione anche per Ornella Oluwole sui 100 ostacoli in 14”44 (+0.1), al fotofinish su Elena Ricci dell’Alto Lazio. A completare il lusinghiero bilancio anche quattro terzi posti: l’astista Nadia Caporaletti (3.40), poi Alessia Scarafoni nell’alto (1.53), la siepista Martina Zitti e la staffetta 4x400 composta da Valentina Procaccini, Michela Camilletti, Barbara Carnevali e Cristina Mazzieri. Sulla rinnovata pista di San Liberato, da segnalare il successo nei 100 metri in 11”88 (+0.1) di Maria Aurora Salvagno del Cus Sassari, la migliore specialista italiana sulla distanza in questa stagione. Missione compiuta anche per i maschi della Sangiorgese Tecnolift, terzi con 464,5 punti che consentono l’accesso all’A2 del prossimo anno (vittoria per la Ginnastica Monzese Forti e Liberi a 496,5 punti). Lo sprinter marchigiano Luca Verdecchia è stato il più veloce sui 100 metri in 10”84 (+0.2) e anche il mezzofondista Mauro Marselletti ha colto il massimo punteggio sui 5000, dopo essere stato secondo sui 3000 siepi, così come Giorgio Berdini sui 110 ostacoli in 14”33 (+1.9, nella gara vinta in 14”24 da Luca Ceglie del Cus Bari), e come il pesista Primo Capponi (13.28), mentre il giovane giavellottista Roberto Di Ruscio è terzo con 46.46. Era presente anche l’Atletica Recanati, chiamata all’ultimo momento per la rinuncia dell’Atletica Oristano, per un 11° posto conclusivo (337 punti) su cui spicca la seconda piazza di Alessandro Carloni sui 5000 metri.

A Caorle (VE), nella Finale A Oro, la martellista Clarissa Claretti ha difeso i colori della Fondiaria Sai, che per l’ottavo anno consecutivo si è confermata campione d’Italia tra le donne. La fermana si è imposta con un miglior lancio a 67.85 (serie completa: 67.84; 65.42; 65.90; 66.53; 66.15; 67.85). Sempre nella Fondiaria Sai, ottavo tempo per Donata Piangerelli sui 200 metri (25”45/-2.1), prima di aprire la vittoriosa staffetta 4x400. Sui 100 ostacoli, quinta Marta Tomassetti (Cus Cagliari) in 14”31 (-1.1) e nell’alto sesta Roberta Bugarini (Cus Parma) con 1.70. Il giavellotto ha visto al terzo posto Gianluca Tamberi, il diciannovenne di Offagna tesserato per la Bruni Vomano, autore di un 65.24 nella gara vinta con 67.82 da Roberto Bertolini della Cento Torri Pavia che schierava anche Claudio Favi: l’atleta di Chiaravalle (AN) si è piazzato quarto ottenendo 63.79.


TUTTI I RISULTATI

Nella foto in alto, Enrica Cipolloni della Tecno Adriatletica Marche; in basso, i festeggiamenti dell'Atletica Montecassiano; in fondo, il video realizzato da Mario Giannini




Condividi con
Seguici su: