Europei juniores, Tamberi in finale




 

Nella prima giornata dei Campionati Europei juniores di atletica a Novi Sad (Serbia), si verifica un imprevisto nelle qualificazioni del giavellotto. Gianluca Tamberi, dopo un deludente 61.39 e un nullo, è autore di un poderoso lancio al terzo tentativo, che atterra appena sotto la fettuccia dei 72 metri validi per l’accesso diretto in finale, ma che sicuramente sarebbe sufficiente per classificarsi nei primi dodici e quindi passare il turno, oltre a rappresentare il nuovo primato personale. Il giudice di pedana solleva però la bandierina rossa senza apparente motivo e annulla il lancio del ragazzo di Offagna (AN), tesserato per la Bruni Vomano, che comprensibilmente si dispera. Al momento sarebbe eliminato, ma la delegazione italiana inoltra un reclamo, che viene accolto dalla giuria d'appello: la finale di sabato vedrà quindi tredici atleti, tra i quali Gianluca Tamberi. Già altre volte in passato è accaduto che un atleta fosse riammesso, dopo aver valutato inopportuno l’annullamento di un lancio, pur non essendo stato misurato.  Un precedente storico è quello degli Europei di Spalato '90: la finlandese Päivi Alafrantti fece addirittura tre nulli in qualificazione (non misurati), ma si riconobbe l'errore e le fu consentito di partecipare alla finale, dove poi vinse la medaglia d'oro. 

Eliminazione per Eduardo Albertazzi, che non riesce a superare le qualificazioni del disco con tre lanci nulli, di cui i primi due in gabbia. Peccato: il gigante ascolano si presentava con la settima misura europea dell’anno nella categoria, cioè il 59.87 grazie al quale ha migliorato il suo primato italiano ai Tricolori di Rieti. Per andare in finale, in base ai risultati degli avversari, sarebbe bastato 53.68. Eduardo, portacolori dell’ASA Ascoli Piceno e seguito sul posto dal suo tecnico Armando De Vincentis, è comunque al primo anno di categoria: compirà 18 anni a settembre e l’anno scorso, da allievo, fu brillante protagonista ai Mondiali juniores, sfiorando la finale. Domani proseguono le gare allo stadio Karadjordje di Novi Sad e alle ore 9.50 scatteranno le batterie dei 110 ostacoli con Giovanni Mantovani (Sport Atletica Fermo), per l’eventuale semifinale delle 16.15, mentre alle 11.10 Enrica Cipolloni (Tecno Adriatletica Marche) sarà impegnata nelle qualificazioni del salto in alto.

Intanto, all’EYOF (Festival Olimpico della Gioventù Europea) nella città finlandese di Tampere, la velocista marchigiana Yessica Stortini Perez è stata l’ultima frazionista della staffetta 4x100 femminile azzurra che ha vinto la propria batteria in 47”44, qualificandosi per la finale di domani.

 

Gianluca Tamberi (nella foto in alto) e Eduardo Albertazzi (in basso) agli Europei juniores di Novi Sad (Giancarlo Colombo per Omega/Fidal); a fondo pagina, il video del lancio di Tamberi

 

RISULTATI

 

Eduardo Albertazzi



Condividi con
Seguici su: