D’Onofrio, esordio in maratona tra i big

04 Dicembre 2020

Domenica a Valencia l’abruzzese campione italiano della mezza debutta sui 42,195 km: “Ho ritrovato continuità dopo tanti infortuni, in gara per fare esperienza”. DIRETTA TV su Sky Sport

 

Aspettava questa giornata da quattro anni, cioè da quando vinse il suo primo titolo italiano di mezza maratona a Fucecchio e capì che presto avrebbe allungato fino ai 42 km. Certamente non sarà un debutto soft, in questa maratona di Valencia formato deluxe, ma domenica per Daniele D’Onofrio è il momento di lasciarsi alle spalle gli infortuni che ne hanno rallentato l’evoluzione e inaugurare un nuovo capitolo: “Adrenalina pazzesca, emozione a mille, e potrò dirmi felice se sarò riuscito a portare a termine la mia prima maratona in buone condizioni, lucido, e pronto per preparare la successiva”, commenta prima del decollo per la Spagna. Abruzzese, legatissimo alla sua Scontrone (L’Aquila), l’atletica azzurra lo ha ritrovato a buoni livelli quest’anno, con un nuovo titolo italiano della mezza, a Verona in febbraio (1h03:15), e poi con l’incoraggiante prestazione dei Mondiali di mezza di Gdynia a metà ottobre. È lì, in Polonia, che il 27enne delle Fiamme Oro si è migliorato fino a 1h02:32. “Dal 2016 in poi non ho più avuto continuità nell’allenamento - racconta D’Onofrio - dopo il titolo italiano e aver vestito la maglia azzurra agli Europei di Amsterdam conquistando il terzo posto a squadre, ho vissuto tre anni piuttosto difficili, a causa di un doppio intervento ai tendini d’Achille, prima il sinistro e poi il destro in rapida successione. Tanta fisioterapia e riabilitazione e per un lungo periodo ho potuto gareggiare pochissimo. Quando ho ritrovato finalmente continuità, ho capito di essere tornato”. Grazie anche al suo allenatore Luciano Di Pardo, alla fisio Elvira Bucci e a chi lo ha sempre sostenuto.

PRIMA VOLTA - Valencia, dunque: “Non ho particolari aspettative cronometriche per domenica - spiega - siamo in gara per fare esperienza e per capire se la preparazione è stata corretta, o cosa eventualmente migliorare. Nel cast, oltre ai fortissimi, ci sono anche tanti debuttanti, quindi difficilmente mi ritroverò a far gara da solo. L’intenzione è non consumare troppo nella prima parte, passare alla mezza intorno a 1h06:30, 1h06:40, e poi andare in progressione. Fino ai 35-37 km so di poterci arrivare bene, poi sarà tutto da scoprire…”. Il suo cammino è passato dal Kenya in inverno e dal suo Abruzzo nel periodo estivo: “Tre settimane in altura a Iten tra gennaio e febbraio, invece in estate due periodi di allenamento di venti giorni ciascuno a Roccaraso, insieme a Daniele Meucci. Ho toccato picchi di 180 km a settimana, che non è tantissimo ma era la mia prima preparazione per una maratona e dovevamo capire. Se tutto andrà bene lavoreremo per cercare un buon tempo in primavera”.

STELLE - In Spagna, sul circuito da 21 km da ripetere due volte, e nella giornata che al femminile offre l’assalto di Valeria Straneo allo standard olimpico (2h29:30), dalle 8.30 D’Onofrio avrà l’opportunità di respirare il clima di uno degli eventi più attesi, pieno di fuoriclasse, data anche la rarità di maratone in giro per il mondo nell’anno Covid. Il terzo uomo di sempre (l’etiope Birhanu Legese, 2h02:48), il connazionale vincitore nel 2019 Kinde Atanaw (2h03:51), il keniano re di Boston e Chicago 2019 Lawrence Cherono (2h04:06), il turco primatista d’Europa Kaan Kigen Ozbilen (2h04:16) e l’etiope campione del mondo di Doha Lelisa Desisa (2h04:45), per citare solo alcuni dei top runner al maschile. Se il ragionamento si estende anche alla mezza maratona (che partirà mezz’ora prima, alle 8), ecco anche il fresco campione iridato Jacob Kiplimo (Uganda), il recordman mondiale dei 10 km Rhonex Kipruto (Kenya), mentre al femminile l’etiope primatista del mondo dei 5000 Letesenbet Gidey ha dovuto rinunciare alla partenza a causa del conflitto nella sua regione del Tigray. “Timore?”, riflette D’Onofrio. “Inevitabile che un po’ ci sia, in una maratona di livello così alto. Ma me la voglio godere”.

DIRETTA TV - La 40esima Maratón Valencia Trinidad Alfonso sarà trasmessa in diretta tv domenica 6 dicembre su Sky Sport Arena dalle 8.00 e su Sky Sport Uno dalle 8.30. Diretta dalle 8.00 anche su Eurosport Player e sul sito internet ufficiale della manifestazione valenciaciudaddelrunning.com.

AGGIORNATO VENERDÌ 4 DICEMBRE ORE 13.30

naz.orl.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate