Mondo: comincia l'assalto ai record

23 Aprile 2019

Crouser 22,74 nel peso, Samba 47.51 nei 400 ostacoli, Norman 43.45 nel giro di pista: tre risultati che hanno acceso la stagione, con un occhio ai rispettivi primati mondiali


 

di Giorgio Cimbrico

Il 2018 si era chiuso con due lunghi lampi, racchiusi in otto ore o poco più, lanciati da Eliud Kipchoge e da Kevin Mayer. Ora, come, dove e quando verranno offerti altri acuti di questo spessore, di questa qualità? Fortemente “sospettati”, anche alla luce dei risultati sbocciati in questa generosa primavera, sono i vecchi record del mondo dei 400hs, avviato verso i 27 anni di durata, e quello del peso, che sta toccando i 29.

PESO - Stanford ha radunato per il 30 giugno, quando ospiterà il Prefontaine Classic (lo stadiolo di Eugene è sottoposto a una radicale ristrutturazione in vista dei Mondiali 2021), nove lanciatori che in carriera hanno toccato e superato i 22 metri, ma di rado i vertici o le manifestazioni che assegnano titoli hanno prodotto misure record. Gli “omoni” hanno sempre preferito occasioni più… appartate. Rimane il brivido caldo del faccia a faccia tra Ryan Crouser, campione olimpico e Tom Walsh, il kiwi che non ha scelto il rugby. Pochi giorni fa Crouser è salito al sesto posto di sempre in una serie culminata con 22,73 e 22,74, il seguito di un inverno che l’aveva visto spedire le 16 libbre a 22,33. Walsh, campione del mondo, è fermo, si fa per dire, a 21,91, ma ha dimostrato di possedere un acceso furore agonistico. Lo scontro dei titani, ambientato nel luogo che vide nel 1960 il primo dei tre record del mondo di Bill Nieder, promette scintille anche se è impervio prenotare la parabola a 23,13 che cancellerebbe l’antico 23,12 di Randy Barnes.

400HS - La sfida tra Abder Samba e Rai Benjamin è uno dei piatti forti nel lungo menù della stagione. Robusta la previsione che tremi – o cada – il 46.78 di Kevin Young nella finale olimpica di Barcellona ’92, sino all’anno scorso unico tempo della storia sotto la barriera dei 47 secondi. Samba, mauritano cresciuto in Arabia e in pista sotto la bandiera del Qatar, l’ha espugnata per due centesimi a Parigi, vertice in una stagione chiusa da imbattuto (e quella nuova è ricominciata con il 47.51 di Doha). Vicinissimo all’impresa – respinto per due centesimi - è risultato Rai Benjamin - ex Antigua e Barbuda e ora Usa – che a Eugene ha pareggiato Edwin Moses. L’uno e l’altro sono fortissimi sui piani – 44.60 Samba, un freschissimo 44.31 Benjamin –, un altro segno che Young corre seri pericoli di perdere la corona dopo un lunghissimo regno. A tenere accesa la fiamma sotto una distanza che per anni ha emesso fiochi chiarori, anche il coraggioso norvegese Karsten Warholm (il record europeo di Stephane Diagana, 47.37 nel ‘95, è nelle sue corde) e Kyron McMaster delle Isole Vergini Britanniche, sceso a 47.54.

400 - Il formidabile e precocissimo squillo di Michael Norman ha spedito il 21enne di San Diego al quarto posto di sempre, alla pari di Jeremy Wariner. Quel 43.45 si pone a 42 centesimi dal mondiale di Wayde van Niekerk, a 27 dal record americano di Michael Johnson e rappresenta un progresso di 16 sullo sparo nel buio che il giovanotto offrì meno di un anno fa uscendo dall’anonimato. Per abitudini e per storia è molto frequente che gli americani diano il meglio a stagione molto giovane, in occasione dei classici appuntamenti che punteggiano la stagione nella fascia degi stati che godono di un clima caldo. Nulla toglie che un faccia a faccia possa produrre risultati a sensazione e in questo momento l’avversario che può impegnare più a fondo Norman è il filiforme ed elegante bahamense Steven Gardiner, 43.87 l’anno scorso. Da sottolineare che l’uno e l’altro partono da basi molto veloci: 19.75 Gardiner nei 200, 19.84 Norman. Dai primi riscontri forniti dei Giochi Asiatici, l’anello di Doha ha le prerogative per offrire un giro mozzafiato. E se van Niekerk riprenderà a pieno regime, lo scontro sarà totale.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate