Giovani azzurri in raduno a Camerino

26 Agosto 2014

L’Università accoglie i 37 allievi provenienti da tutta Italia

 

Dal 25 al 29 agosto Camerino ospita anche quest’anno il raduno nazionale Fidal. Un appuntamento che è ormai una bella tradizione, pochi giorni dopo la conclusione di quello regionale, e che porta al centro sportivo “Sergio Sabbieti” del Cus Camerino alcuni tra i più interessanti prospetti nella categoria allievi (nati nel 1997-98) per le specialità di salti, lanci, prove multiple e marcia.
Come consuetudine gli atleti, i tecnici e i dirigenti sono stati ricevuti per la presentazione ufficiale, martedì 26 agosto presso l’Aula degli Stemmi dell’Università di Camerino. All’incontro hanno partecipato: Stefano Belardinelli e Roberto Cambriani, presidente e segretario del Cus Camerino; Giacomo Nalli, coordinatore dell’atletica leggera per il Cus Camerino; Claudio Pettinari, prorettore vicario di Unicam; Gian Mario Cingolani, delegato del rettore Unicam per lo sport universitario; Fabio Sturani, presidente Coni Marche e membro della giunta nazionale Coni; Giuseppe Scorzoso, presidente Fidal Marche; il maestro dello sport Armando De Vincentis; il vicesindaco di Camerino Roberto Lucarelli. Presente anche Stefano Baldini, direttore tecnico delle nazionali giovanili di atletica leggera, giunto a salutare i ragazzi prima di partire per Cles (Trento), sede dell’altro importante raduno estivo Fidal. Sono stati convocati a Camerino 37 atleti, fra cui il giavellottista marchigiano Simone Comini (Asa Ascoli Piceno).
“Questa continuità è un dato positivo - ha sottolineato il presidente del Coni Marche Sturani - prima di tutto perché la Fidal e i risultati dal punto di vista sportivo stanno premiando la capacità di lavoro soprattutto sul settore giovanile, quindi nuovi campioni che vengono avanti. E’ un’esperienza importante, formativa e di gruppo, grazie alla capacità della Fidal di organizzare questi incontri e alla disponibilità di Cus Camerino e Fidal Marche di essere punti di riferimento per l’atletica nazionale. Credo che questo sia un buon momento, soprattutto per seminare. I risultati si vedono e penso che si vedranno ancora di più nei prossimi tempi”
Da parte di Stefano Baldini, un auspicio: “Che questa collaborazione ormai consolidata continui ancora a lungo perché qui godiamo sempre di un’ospitalità e di una logistica particolari, che ci fanno sentire come a casa. Da qui sono passati quasi tutti i campioni di oggi e gran parte della squadra senior che ha partecipato agli Europei di Zurigo, quindi il centro estivo giovanile viene visto dai ragazzi come un bel ricordo, ma anche come un momento di formazione, di sogno da coltivare poi per poter aspirare a fare un’atletica di alto livello, e comunque di avere le possibilità di potersi esprimere al massimo”.
 
(ha collaborato Corrado Bellagamba - Cus Camerino)



FOTO DI GRUPPO AD ALTA RISOLUZIONE

 



Condividi con
Seguici su: