La festa dell'Atletica Sangiorgese




 

I successi del 2010 si colorano del sorriso contagioso e della grinta del 44° atleta dell’anno nella storia della Sangiorgese, il lanciatore di peso Lorenzo Del Gatto. Il sedicenne “gigante” di Montegiorgio, campione italiano cadetti 2009 in quel di Desenzano, al primo anno nella categoria allievi  ha inanellato una serie di prestazioni più che convincenti: il debutto in maglia azzurra nell’incontro internazionale di Chiuro (Sondrio), onorato con un prezioso secondo posto, la medaglia d’argento ai campionati italiani di Rieti con il primato personale a 18,34 e il record regionale mancato di soli 10 centimetri. Tutto ciò grazie al talento, alla costanza di Lorenzo nell’allenamento e alla sapiente guida del suo tecnico, l’ex martellista Alfio Petrelli, uomo che al campo parla poco, ma lavora tanto e sta già preparando il suo allievo per l’obiettivo principe della prossima stagione: i Campionati Mondiali allievi di Lille.

La tenacia di Lorenzo è stata imitata da tanti atleti della Sangiorgese, che per ben 34 volte sono saliti sul primo gradino del podio ai campionati regionali, collezionando preziosi risultati individuali. Tre di questi titoli portano la firma della saltatrice Silvia Del Moro, quest’anno alla sua migliore stagione di sempre. La medaglia d’argento ai campionati italiani universitari di Campobasso e i nuovi primati personali, 12,75 nel triplo e 5,72 nel lungo, parlano per lei. Silvia poi, insieme alle compagne della TAM, la squadra di comprensorio Porto San Giorgio – San Benedetto del Tronto, ha scritto una pagina della storia dell’atletica regionale. La TAM è stata la prima formazione marchigiana a conquistare la finale Argento dei campionati di società, difesa e confermata nella due giorni di Comacchio. Questo successo assume un significato ancora più importante, se si considera che è stato costruito interamente da atlete cresciute nel vivaio delle due società.

Altro talento che di titoli regionali ne sa qualcosa (ne ha vinti ben sei), è l’atleta dell’anno giovanile Annalisa Torquati, la ragazza dei record. Annalisa, seguita tecnicamente da Elisa Del Moro, ha dominato tutte le competizioni a cui ha partecipato, velocità, ostacoli, prove multiple, collezionando una serie impressionante di vittorie, tra le quali spicca quella nei 60 metri sulla pista di Majano del Friuli: 8’’01, nuovo record regionale e miglior prestazione italiana dell’anno.

Ai 34 scudetti regionali si aggiungono poi le vittorie di squadra, soprattutto nel settore giovanile: Societari cross cadette, con Lucia Lucci, Jessica Cerretani, Ilaria Alunno e Maria Giulia Santandrea; Grand Prix di marcia; Societari di specialità cadette lanci e complessiva; Societari prove multiple ragazzi. Proprio la formazione vincitrice del titolo nel triathlon, capitanata da Nicolò Ziosi e composta da Riccardo Ciabò e Alessandro Cadelli è stata proclamata squadra dell’anno. Nel corso della stagione Ziosi, a conferma di una crescita costante e quasi sorprendente, ha centrato anche la vittoria di quattro titoli regionali individuali.

A conclusione di un riepilogo forzatamente sommario dei risultati dell’anno, non possiamo tralasciare i cinque ragazzi di Porto San Giorgio, che hanno meritato la convocazione per il campionato italiano cadetti di Cles (Trento): Valentina Attorri, salita sul podio; Ilaria Del Moro, protagonista di un finale di stagione in crescendo; Federico Petrelli, martellista dal sicuro futuro; Arianna Febbo; Arianna Biondi. E ancora gli atleti della fatica, in continua crescita, i marciatori Matteo Rogante e Veronica Botticelli, finalisti ai campionati nazionali allievi di Rieti insieme alla saltatrice in alto Gioia Iacopini salita fino a 1.64.

Nel corso della XLIV festa dell’Atletica Sangiorgese nel giorno dell’Immacolata, è stato anche assegnato il Premio alla carriera Renato Rocchetti, per ricordare uno dei più grandi personaggi dello sport sangiorgese ed  un pioniere dell’atletica marchigiana. Quest’anno la commissione del premio, presieduta da Pasquale Del Moro, tra le molte segnalazioni pervenute, ha deciso all’unanimità di assegnare tale ambito riconoscimento al prof. Gino Falcetta, grande appassionato e conoscitore di atletica come pochi. Docente di Educazione Fisica all’Istituto Corridoni-Campana di Osimo dal 1969 al 2007, docente alla facoltà di Scienze Motorie  di  Urbino, tecnico nazionale specialista degli ostacoli, responsabile regionale del settore ostacoli dal 1973, direttore tecnico dell’Atletica Osimo e poi speaker in manifestazioni di atletica regionali, nazionali e internazionali, dove con la sua presenza e la sua voce rende partecipi tutti e fa vivere le gare dal primo all’ultimo minuto.

(da comunicato Atletica Sangiorgese Tecnolift - Monica De Angelis)


Nella foto, il passaggio del testimone tra l'atleta dell'anno 2009, Silvia Del Moro, e quello del 2010, Lorenzo Del Gatto, insieme allo sponsor Alfredo Gattafoni della Tecnolift; in basso, Gino Falcetta con il premio Renato Rocchetti; l'atleta dell'anno giovanile Annalisa Torquati con l'istruttrice Elisa Del Moro; la squadra ragazzi di prove multiple: Alessandro Cadelli, Nicolò Ziosi, Riccardo Ciabò. A fondo pagina, il video a cura di Mario Giannini.




Condividi con
Seguici su: