Campionati regionali assoluti a Rieti: i più attesi

12 Luglio 2019

Sabato e domenica pomeriggio al Guidobaldi si assegnano i titoli regionali assoluti. Ecco un'occhiata ai migliori accrediti degli iscritti


 

di Christian Diociaiuti

Saranno 353 gli atleti iscritti, per un totale di 466 atleti gara. Va in scena, domani, sabato 13 luglio e domenica 14, il campionato regionale assoluto. I due pomeriggi di gare sono ospitati allo stadio Raul Guidobaldi di Rieti, già scenario dei campionati italiani U20 e U23 a inizio giugno e, appena una settimana fa, del Meeting Interregionale U18 vinto proprio dal Lazio.

I PIÙ ATTESI – Sui 100 sfida tra Abeykoon (Atletica Futura Roma) e Vigliotti (Rom Acquacetosa) mentre sui 200 l’atleta di casa Giorgio Trevisani (Studentesca Rieti) ha il miglior accredito (21.29) ed è inseguito da due atleti ACSI Campidoglio Palatino, Fabio Tardito e Thomas Manfredi (che ha anche il miglior accredito sui 400/48.04). L’1:52.17 di Nicolas Pavoni (RCF Roma Sud) lo rende l’uomo da battere nel doppio giro di pista mentre il 3:54.81 lo fa essere il primo dei 1500. Sui 5000 da seguire Matteo Cuozzo (Lazio Atletica Leggera mentre nei 3000 siepi il miglior accredito è della promessa Giuseppe Cappiello (Esercito Sport&Giovani). In una truppa di fuori classifica nei 110hs, Mattia Di Panfilo e Nicolò Giacalone sono coloro che risultano iscritti e in corsa per il titolo di campione regionale. Nel giro di pista con barriere, 52.14 di Lorenzo Veroli (Fiamme Azzurre) il tempo da battere. Ovviamente in programma staffette 4x100 e 4x400 e la marcia, 10 Km (risulta iscritto solo Stefano Mansutti di Intesatletica, accredito 45:10.22). Concorsi: nell’alto con 2,02 e 2,01 sfida tra Lorenzo Matarazzo delle Fiamme Gialle Simoni e Matteo Di Carlo della Studentesca Milardi. Simone Andreini (Fiamme Gialle Simoni), invece, torna sulla pedana che l’ha visto conquistare il bronzo ai campionati italiani poco più d’un mese fa proprio con quel 5,15 che è anche l’accredito di questa gara. Filippo Morseletto è l’uomo da battere nel lungo (7,03) e nel triplo (14,47). Peso: Alessandro Pace (Fiamme Gialle Simoni) porta in dote un 15,92 mentre Emanuele Colato (Studentesca Milardi) un 39,14 nel disco e Gabriele Amadei (Studentesca Milardi) un 45,60 nel martello. Nel giavellotto, pronto ad essere protagonista Giovanni Bellini, sempre della società di casa, col suo 72,29 e un ampio distacco sugli altri iscritti.

LE PIÙ ATTESE – L’azzurra Ilenia Draisci (Esercito) col suo 11.78 la rende di gran lunga favorita sui veloci 100 del Guidobaldi, mentre la compagna di gruppo sportivo, Chiara Bazzoni, lo è sui 200 (con 24.00 netti) e sui 400 (con 53.01). Marta Castelli (ACSI Italia Atletica) ha due secondi di margine sugli altri accrediti negli 800 (2:12.20) mentre le è davanti nei 1500 la doppia campionessa italiana U18 Livia Caldarini, iscritta con 4:30.00. Tris del Cus Cassino ai vertici dei 5000 con Marotta, Pizzuti e Vecchio;sui 3000 siepi Lorena Ricchiuto dell’Università Foro Italico guida i tempi di accredito con 11:42.47. In una gara come quella dei 100hs in cui la reatina Giulia Latini (Carabinieri) è fuori classifica (con 13.74), il tempo da battere è il 13.30 di Giulia Pennella (Esercito). Nel giro di pista la vicecampionessa italiana U18 Federica Tozzi (Fiamme Gialle Simoni) vanta un 1:01.33 migliore di quasi tre secondi rispetto agli altri. Nella marcia 5000, da seguire la junior Veronica De Paolis (Atletica Cassino). Concorsi: con Nicole Romani (La Fratellanza/1,77) fuori classifica, è Alessia Palmaccio il primo accredito dell’alto (1,75) per la Romatletica Footworks. E sempre di questa società capitolina, nell’asta, spicca il 3,90 di Nikita Lanciotti. Il 5,76 dell’allieva Giada Bardi (ACSI Campidoglio Palatino) la misura migliore tra quelle delle atlete in gara sulla sabbia del Guidobaldi; e sempre per l’ACSI, da seguire Arianna Musu (11,96) nel triplo. Solo Claudia Giuliani (Atlrtica Tivoli) risulta iscritta nel peso (accredito 10,38) mentre Katarzyna Jadwi Hnatiuk (Studentesca Rieti) primeggia con 52,46 nel disco. E sarà sfida tra le due padrone di casa, Giannino e Mulumba, nel martello: le divide poco più di un metro d’accredito, 46,92 per la prima e 45,13 per la seconda.

File allegati:
- ISCRITTI E RISULTATI
- PROGRAMMA


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate