La Capitale corre con UltraRoma

10 Ottobre 2019

L'evento si è disputato su 50, 30 e 10 km toccando la parte barocca e neoclassica della città. Tanto sport e charity: ecco tutti i podi


 

di Moreno Saddi

Ancora una volta il centro di Roma è stato lo scenario internazionale che fa da cornice alla prima edizione della UltraRoma 50k,30k,10k. L’evento dello scorso 6 ottobre è nato da un’idea dello scrittore ultramaratoneta Daniele Ottavi e dal pluricampione del mondo di ultramaratona Giorgio Calcaterra, su progetto di Italia Marathon Club con declinazione tecnica di Romaratona srl. Il messaggio etico-sportivo dato in questa competizione è stato un No al Doping: a tal proposito è stato inserito un paragrafo apposito nel regolamento della gara.

LA PRESENTAZIONE DELL’EVENTO – In Campidoglio si era tenuta il 18 luglio scorso, la presentazione della manifestazione, con le autorità, gli organizzatori e i responsabili FIDAL. Questi i loro commenti: L’assessore allo sport e grandi eventi di Roma Capitale, Daniele Frongia: “UltraRoma 50k è la prima ultramaratona che si corre su strada in una grande città italiana: orgogliosi di ospitarla”. Il presidente della commissione sport Roma Capitale, Angelo Diario: “L’evento ha destato subito curiosità all’amministrazione comunale: è originale e nuovo”. L’advisor allo sport Regione Lazio, Roberto Tavani: “Il percorso è stato concepito in modo intelligente: l’ecosostenibilità al primo posto, con la Regione Lazio a fianco dell’iniziativa.” Il presidente della FIDAL Lazio, Fabio Martelli: “L’evento parte subito bene con la proposta futura per ospitare un Campionato Mondiale. La lotta al doping è stata centrata in pieno dagli organizzatori.” L’atleta, Giorgio Calcaterra: “L’ultramaratona è la mia vita: gioie, successi, sacrifici.

Ora nei panni dell’organizzazione: una bella scommessa!”. Il Presidente dell’Italia Marathon Club, Enrico Castrucci: “La nostra macchina organizzativa è sempre protesa a obiettivi nuovi: questo evento incarna la nostra mission pluridecennale”. Lo scrittore, Daniele Ottavi: “È un sogno che si avvera per me: dai libri ora si passa anche alla fase organizzativa, per di più nella mia amata Roma”.

IL PROGRAMMA DI CARITÀ – La manifestazione è stata anche un buon motivo per diffondere il “Charity program”, progetto di UltraRoma per lo sport, l’ecosostenibilità, l’inclusione; dare spazio e importanza alle realtè virtuose che operano nel sociale, quali: “La Magia di un Respiro”, che si occupa delle malattie degenerative come la fibrosi cistica, un male incurabile e ad alta mortalità. “Non basta un Sorriso”, progetto Miliki, ha come obbiettivo quello di salvare la vita di bambini malnutriti, dargli un’istruzione e la possibilità di una vita diversa. L’associazione è presente in Italia e nella Repubblica Democratica del Congo. “Associazione Nazionale Pazienti”, è organizzata in gruppi regionali, che operano sotto forma di volontariato. Il loro scopo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla patologia dell’endometriosi, malattia di cui ancora non si conoscono le cause.

TRE DIVERSE DISTANZE - La gara si è svolta sulle distanze competitive della 50 e 30 km, ed una 10 km non competitiva. Il percorso, tutto inedito e suggestivo, ha toccato la Roma barocca e neoclassica ed è stata a impatto quasi a zero sul traffico veicolare con un obiettivo ecosostenibile. La prima parte ha coinvolto le vie centrali della Capitale passando per Piazza di Spagna e Piazza del Popolo.

La seconda parte è stato un circuito da ripetersi più volte a seconda delle distanze di gara e tutto dentro Villa Borghese. La partecipazione oltre che da tutta Italia è arrivata anche da altre 23 nazioni. La gara è stata un’importante test per un’eventuale candidatura, già a partire dal 2021, per ospitare i “Campionati Mondiali IAU” di 50 km o 100 km, di cui Calcaterra si è laureato più volte campione. Grazie ai vari sponsor, i vincitori assoluti e di categoria, hanno ricevuto oltre le coppe e medaglie, anche accessori e materiale sportivo di qualità.

PODIO DELLA 50 km: 1° Stefania Simonelli (U.S. Costigliole G.Giordano/3:40:35), 2° Lenka Horaikovai (RunCard/3:47:42), 3° Luana Chiara Piscopo (Dream Team Bari/3:58:05).

1° Alberico Di Cecco (Vini Fantini by Farnese/3:04:22), 2° Jeremy Fenech (RunCard/3:17:32), 3° Marco Rossi (Podistica Arona/3:18:31).

PODIO DELLA 30 km: 1° Federica Livi (Podistica Solidarietà/2:02:25), 2° Elisa Ceccarelli (Atl. Villa De Sanctis/2:07:56), 3° Carla Mazza (Piano ma arriviamo/2:09:31).

1° Enrico Benedetti (Golden Club Rimini International/1:49:24), 2° Isidoro Langone (Piano ma arriviamo /1:49:33), 3°Fabrizio Chiominto (Calcaterra Sport /1:52:56).

PODIO DELLA 10 km: 1° Raffaella Leonardi (Podistica Arona/46:16), 2° Marcella Chiavaccini (Sempre di Corsa Team Testi/46:28), 3° Lucilla Peduto (Lital/47:07).

1° Domenico Liberatore (Podistica Solidarietà/33:47), 2° Giulio Lorenzo (Running Club Maratona di Roma/39:26), 3° Claudio Lucchesini (RunCard/40:12).


Alcuni momenti della gara e le associazioni sostenute


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate