Strada, le gare di Alatri, Ladispoli e Pomezia

13 Giugno 2019

Al debutto l'evento frusinate e la Runday, 31^ appuntamento con "Sulle orme di Enea". Vittorie per Girolami, Scaccia, Romani, Soufyane Battaglia, Casciotti


 

di Moreno Saddi

L’8 e il 9 giugno scorsi sono stati due giorni di gare molto caldi, in cui sono nate due nuove manifestazioni podistiche, dunque alla loro prima edizione, come ad Alatri e Ladispoli. Le vittorie di Girolami e Scaccia ad Alatri; Romani e Soufyane a Ladispoli e Battaglia e Casciotti in un altro evento, a Pomezia.

ALATRI (Frosinone) – È nata una nuova manifestazione: il Trofeo Città di Alatri, valido come 6^ tappa del “Grand Prix FIDAL Frosinone 2019”. Collegata anche la 5^ prova del “Trofeo Ciociaria Games”, gare dedicate alle categorie degli esordienti, ragazzi ed extra cadetti, che si sono svolte nello stadio di atletica leggera “Franco Evangelisti”. Organizzazione a cura della Polisportiva Atletica Ceprano e Fabrizio Mirabello, con il patrocinio del Comune di Alatri.

IL PERCORSO - La gara di 10 Km si è sviluppata intorno e attraverso il centro storico con le importanti mura ciclopiche che hanno reso il percorso suggestivo. Più di 200 i corridori, partiti ed arrivati all’interno dell’impianto di atletica “Franco Evangelisti” a otto corsie; tutti hanno affrontato brevi e impegnative variazioni altimetriche, ma il caldo torrido è stata la fatica maggiore da combattere.

L’ARRIVO – Dopo tanti chilometri, in un contesto meraviglioso e il clima rovente, alla vittoria va Marco Girolami (Atl. Colleferro Segni), che domina fin dal primo metro con il tempo di 36:14 ed ha la meglio su un volitivo Pietro Carbotti (Martina Franca Running/36:46); terzo un sempre pimpante Antonello Di Cicco (Atl. Amatori FIAT Cassino/37:20). In campo femminile, prima assoluta un’altra conoscenza del podismo laziale come Alessandra Scaccia (Atl. Colleferro Segni), con il crono finale di 43:15. Al secondo posto una tenace Simona Magrini (Olibanum Overrunners/43:33) e terza Alessia Mirabella (Atletica Ceccano/46:03).

IN PISTA: CIOCIARIA GAMES – Nella stessa mattinata si sono svolte le gare giovanili della 5^ prova del Trofeo Ciociaria Games. Anche qui un’ampia partecipazione con oltre 100 atleti del settore giovanile dai 6 ai 15 anni che hanno invaso la pista con gare di velocità dai 200 agli 800 metri e le pedane con il lancio del vortex, per una splendida giornata di sport.

LADISPOLI (Roma) – Anche sul litorale un evento podistico alla sua prima edizione. Si tratta della Runday Ladispoli. Organizzazione a cura della società Podistica Eretum insieme a Todaro Sport ed il patrocinio del Comune di Ladispoli.

Sono sempre gli stessi curatori di altri eventi importanti nella zona del litorale tirrenico, che credono nella diffusione dello sport alla portata di tutti.

IL COLORE DEL LITORALE – Partiti da via Firenze, i 560 podisti della competitiva di 12,3 Km e i 3 Km della non competitiva, impavidi nonostante la temperatura proibitiva e l’umidità altissima. I partecipanti hanno colorato con la loro allegria e la voglia della corsa in tutta libertà, tra storia, natura e mare. Il percorso si è snodato per la prima parte su tutto il lungomare, per poi attraversare il bosco di Palo Laziale e raggiungere Marina di San Nicola; giro di boa e ritorno verso Ladispoli.

CHE ATLETI AL TRAGUARDO! – Clima non favorevole, ma in compenso per i corridori il percorso è risultato abbastanza pianeggiante per tutta l’intera distanza. Al traguardo l’atleta della Runners Team Colleferro Marco Romano, che si è sbarazzato della concorrenza con il tempo di 41:40. Lo segue al secondo posto di una quarantina di secondi Giuseppe Falchi (LBM Sport Team/42:21). Terzo Fabio Lupinetti (Atl. Città dei Papi Anagni/42:34). Per le donne trionfa una veterana del fondo della nazionale, Laila Soufyane, atleta dell’Esercito, che vince con autorità fermando il cronometro a 45:06. Secondo posto per la giovane e brava Sara Carnicelli (Athletica Vaticana/46:16), il terzo gradino del podio è per Luminita Lungu (G.S. Bancari Romani/52:33).

Da sottolineare la presenza in gara di Franca Fiacconi, quarta assoluta, che ha dato lustro alla gara oltre a far felici centinaia di amatori, bambini e appassionati per aver avuto la possibilità di correre al fianco di una leggenda dell’atletica del passato: è stata l’unica vincitrice italiana della maratona di New York nel 1998.

POMEZIA (Roma) – Varcata ormai l’importante soglia delle trenta edizioni, sabato (8 giugno) pomeriggio la società della Podistica Pomezia ha organizzato la XXXI edizione della manifestazione podistica: “Sulle orme di Enea”.

LO SCENARIO - La distanza di gara è stata di 10 km, su un percorso misto tra asfalto e sterrato. Si è partiti dal centro della città, attraversato il tranquillo complesso “Selva dei Pini”, per poi immergersi nel suggestivo scenario della riserva naturale della “Sughereta” e poi tornare al centro della città di Pomezia in Piazza San Benedetto da Norcia. La gara si è disputata in un pomeriggio molto caldo, che ha sicuramento messo a dura prova gli appassionati podisti, assistiti in modo opportuno grazie ai due ristori intermedi disposti lungo il percorso.

RISOLTI GLI IMPREVISTI – “È andata – commentano gli organizzatori - difficoltà burocratiche e organizzative da superare sono state molte.

Mentre nelle scorse edizioni l'avvio della gara faceva scomparire tutti i nostri timori, regalandoci un senso di sollievo enorme, quest'anno i timori sono rimasti intatti fino a quando l'ultimo podista non ha tagliato il traguardo. Troppe infatti erano le incertezze e i dubbi che avevamo a causa del nuovo percorso, che abbiamo dovuto disegnare per motivi che non stiamo a spiegare. Quello stesso percorso che siamo stati costretti a modificare nella tarda mattina della gara, al fine di garantire l'incolumità di tutti i partecipanti ed essere sicuri che nessuno si facesse male. La ASD Podistica Pomezia desidera a tal proposito scusarsi con tutti i partecipanti per quel tratto di circa 400 metri che i podisti hanno dovuto percorrere in condizioni non ottimali a causa dell'erba non tagliata perfettamente: purtroppo non abbiamo avuto il tempo materiale per intervenire su quel tratto di percorso e renderlo più idoneo e pulito, fermo restando che il sopralluogo effettuato ci aveva comunque permesso di non riscontrare pericoli per gli atleti”.

I RISULTATI – Soddisfatti gli organizzatori per aver mantenuto la stessa mole d’iscrizioni dell’anno passato. Al via in 423, tutti contenti per il percorso, la sicurezza, i premi ed un ricco pacco-gara! Il primo assoluto è stato Emanuele Battaglia della Run Forever Aprilia, al traguardo in 35:17, seguito da Mirco Gaffi (Runner Trainer/35:41); come lo scorso anno conferma il terzo posto, l’onnipresente Danilo Martin (Amatori Villa Pamphili/36:05). Grande vittoria per Maria Casciotti della Podistica Solidarietà – alla recente maratona di Roma è stata la terza delle italiane e la 18^ assoluta – con il  tempo finale 37:33; si sbarazza della concorrenza di una rientrante ex nazionale come Eleonora Bazzoni (G.S. Lammari/39:29), ottimo terzo posto per Irene Spaziani (Amatori Villa Pamphili/42:35). In campo societario, netta affermazione dell’Amatori Villa Pamphili, sempre presente a questa manifestazione con numeri molto importanti. Piazza d'onore per la Podistica Pomezia (società organizzatrice di cui ben 32 i partenti, nonostante molti atleti fossero impossibilitati a correre in quanto impegnati nel presidio del percorso e dei ristori), mentre in terza posizione si afferma la Podistica Solidarietà.

I RINGRAZIAMENTI – “La Podistica Pomezia ringrazia i propri tesserati, la Pro Loco di Pomezia, per il grande lavoro che hanno svolto, curando in modo impeccabile il ristoro finale. I fratelli Castiglia per il loro medagliere, apprezzato tantissimo da tutti i partecipanti, ha rappresentato un tocco di originalità che ha contribuito ancora una volta a rendere unica la gara. Al presidente Berardino Meuti, per il grande supporto morale ed economico, al Comune di Pomezia nella figura dell'Assessore Giuseppe Raspa per la grande disponibilità mostrata nell'accogliere le richieste, Paolo Bianchi per il grande lavoro organizzativo svolto, al gruppo ciclisti capitanati da Luigi Pezzera, che ha accompagnato i partecipanti lungo il percorso” scrivono dalla società.


Alcuni momenti di Alatri, Ladispoli e Pomezia


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate