Marchigiani in gara per il tricolore a Bressanone




 

Tre giornate di sfide per i migliori giovani del panorama nazionale, pronti a contendersi le maglie tricolori nei Campionati italiani juniores e promesse, di scena a Bressanone in questo fine settimana (17-19 giugno). La partecipazione degli atleti marchigiani si annuncia qualificata, come da tradizione, con molti elementi in grado di lottare per una medaglia nella sede altoatesina. Fra gli juniores (nati negli anni 1992 e 1993), il pesarese Lorenzo Angelini arriva alla kermesse da capolista stagionale di categoria sui 200 metri: il 21”35 del velocista dell’Avis Macerata è già inferiore allo standard richiesto per i prossimi Europei under 20 di Tallinn (Estonia, 21-24 luglio). Ad aver centrato il minimo continentale, ed in lizza per il podio oltre che per una convocazione in azzurro, sono anche il mezzofondista Stefano Massimi (Asa Ascoli Piceno) sui 1500 metri, capace di correre quest’anno in 3’47”99, e l’ostacolista Lorenzo Veroli (Atl. Maxicar Civitanova), autore di un recentissimo 53”32 e che proprio sulla pista verde di Bressanone fu quinto nei 400hs ai Mondiali under 18 del 2009. Sempre a livello under 20, il saltatore in alto Gianmarco Tamberi comanda le graduatorie italiane dell’anno (2.21 al coperto), con il cugino Nicolò Tamberi (Sef Stamura Ancona) in possesso del quarto accredito nel salto in lungo, specialità che lo ha visto conquistare il bronzo ai Giovanili indoor. In lotta per un buon piazzamento saranno anche Sara Porfiri (Atl. Avis Macerata) sui 100hs, come la compagna di squadra Benedetta Gattari nella marcia, poi il pesista Simone Pastrani e l’astista Marina Santarelli, entrambi della Sport Atletica Fermo, e la discobola Michela Colli (Tecno Adriatletica Marche).

Diverse possibilità anche nella categoria promesse (nati negli anni 1989-90-91), a cominciare dal pluriprimatista italiano Eduardo Albertazzi. Il finanziere ascolano intende confermarsi leader nel lancio del disco, dopo aver vinto il titolo invernale e realizzato il minimo per gli Europei under 23 di Ostrava (Repubblica Ceca, 14-17 luglio), grazie ad uno stagionale di 57.19. Non sarà l’unico a cercare gloria nell’arena di Bressanone: sui 400 è attesa Chiara Natali (Sport Atl. Fermo), già protagonista delle gare indoor con l’argento tricolore, così come la mezzofondista Alessia Pistilli (Atl. Avis Macerata), anche lei seconda nei 1500 metri in sala. Da tenere d’occhio l’ostacolista Giovanni Mantovani (Aeronautica/Sport Atl. Fermo), vicecampione italiano al coperto, e le lanciatrici della Tecno Adriatletica Marche: da Aurora Narcisi, tricolore nel peso indoor, a Sara Pizi, oro del martello juniores nella passata stagione. E inoltre Andrea Gargamelli (Sef Stamura Ancona), bronzo indoor sui 1500, senza dimenticare il velocista Julius Kyambadde e l’ottocentista Leonardo Zucchini (ambedue della Maxicar Civitanova), il triplista Andrea Giuliodoro (Atl. Castelfidardo Criminesi), la mezzofondista osimana Elisa Cesari, l’ostacolista Daniela Spadoni (Sport Atl. Fermo), l’eclettico Leonardo Ottaviani (Atl. Avis Macerata) impegnato nell’asta. Sono poi iscritti nel salto in alto Enrica Cipolloni (Tecno Adriatletica Marche), campionessa italiana indoor del pentathlon, e nel giavellotto Gianluca Tamberi, tricolore invernale un anno fa. In tutto gli atleti marchigiani sono 61, per una manifestazione che assegnerà anche i titoli under 18 delle prove multiple.

GLI ISCRITTI DELLE MARCHE
Atletica Osimo
: Manuel Nemo (octathlon allievi)
Sef Stamura Ancona
: Nicolò Tamberi (lungo juniores); Andrea Gargamelli (1500, 5000 promesse)
Atl. Castelfidardo Criminesi
: Alessandro Maltoni (marcia 10km juniores); Andrea Giuliodoro, Matteo Sargentoni (triplo promesse)
Asa Ascoli Piceno
: Stefano Massimi (800, 1500 juniores); Marco Esposti (asta juniores); Joel Enrico Giorgi (giavellotto juniores); Andrea Botti (disco promesse)
Tecno Adriatletica Marche
: Leonardo Malatini (110hs, 4x100 juniores); Michele Coppari, Andrea Ghergo, Enrico Squadroni (4x100 juniores); Michela Colli (disco juniores); Valentina Natalucci (400 promesse); Enrica Cipolloni (alto promesse); Aurora Narcisi, Sara Pizi (peso, martello promesse)
Sport Atletica Fermo
: Simone Pastrani (peso juniores); Marco Bastarelli, Alessandro Capancioni, Andrea Sabatini, Paolo Totò (4x100 juniores); Yessica Stortini Perez (100, 4x100 juniores); Eleonora Brodoloni, Barbara Donzelli, Marina Santarelli (asta juniores); Dajana Flamini, Giulia Lattanzi, Maria Montanini (4x100 juniores); Ilaria Giretti (100 promesse); Chiara Natali (400 promesse); Daniela Spadoni (100hs promesse); Francesca Montalboddi (marcia 5km promesse)
Atl. Elpidiense Avis Aido
: Lucia Paternesi Meloni (800 juniores)
Atl. Avis Macerata
: Lorenzo Angelini (200 juniores); Edoardo Marinucci (disco juniores); Sara Porfiri (100hs, alto juniores); Ornella Kelly Nya Yanga (peso, giavellotto juniores); Benedetta Gattari (marcia 5km juniores); Leonardo Ottaviani (110hs, asta promesse); Alessia Pistilli (1500 promesse); Marco Grande Castellani, Marco Montani, Emanuele Salvucci (octathlon allievi)
Atl. Recanati
: Francesco Pellicani (400hs promesse)
Atl. Montecassiano
: Valentina Procaccini (100, 200 promesse)
Sacen Corridonia
: Sasha Tirabassi (octathlon allievi)
Atl. Maxicar Civitanova
: Lorenzo Veroli (400, 400hs juniores); Julius Kyambadde (100 promesse); Leonardo Zucchini (800 promesse); Kamen Mobili (5000 promesse)

Aeronautica/Sport Atletica Fermo: Giovanni Mantovani (110hs, 4x100 promesse)
Fiamme Gialle/Asa Ascoli Piceno: Eduardo Albertazzi (disco promesse)
Fiamme Gialle/Bruni Atl. Vomano: Gianluca Tamberi (giavellotto promesse)
Esercito Sport & Giovani: Massimiliano Strappato (1500 promesse); Elisa Cesari (5000 promesse)
Bruni Atletica Vomano: Gianmarco Tamberi (alto juniores), Andrea Malaccari (800 promesse)
Atletica Brescia 1950 Ispa Group: Medhit Paoletti (marcia 5km promesse)

TUTTI GLI ISCRITTI

La sezione dedicata sul sito Fidal


Nell'immagine in alto, il velocista junior Lorenzo Angelini; in basso, la quattrocentista under 23 Chiara Natali (foto di Maurizio Iesari); più sotto, il mezzofondista Stefano Massimi e il discobolo Eduardo Albertazzi (foto di Giancarlo Colombo/Fidal)






Condividi con
Seguici su: