Olivieri record, tre ori per le Marche

08 Giugno 2019

Il lanciatore sangiorgese della Tam si migliora fino a 79,23. Nel martello juniores anche Zuccaro tricolore al femminile, sugli 800 un altro titolo per Barontini


 

Tre splendide vittorie per le Marche nei Campionati italiani juniores e promesse, in corso di svolgimento a Rieti, con la perla di un record nazionale. Nel martello Giorgio Olivieri (Team Atletica Marche) continua a migliorare il suo primato italiano under 20 con 79,23 e un progresso di quasi due metri in una serie fantastica, segnata da tre lanci sopra il precedente limite nazionale (79,23, 78,99 e 78,06) che aveva sgretolato sette giorni fa ad Halle (77,43). Il 18enne di Porto San Giorgio allenato da Alfio Petrelli e dal papà ex giavellottista Luigi, con la consulenza di Nicola Silvaggi per la programmazione, fa volare l’attrezzo da 6 kg alla seconda prestazione europea e mondiale dell’anno (meglio soltanto il greco Christos Frantzeskakis, 81,62) quando manca poco più di un mese alla rassegna continentale U20 di Boras (18-21 luglio). Ma prima c’è la maturità al liceo scientifico sportivo. “Mi tengo gli 80 metri per gli Europei - sorride Olivieri - dove spero di migliorare il mio andamento nelle gare importanti. Sicuramente ho incrementato la media e sono riuscito anche a piazzare un bel primo lancio a 74,84, che è sempre importante nelle qualificazioni degli eventi internazionali.

Una settimana fa non lo avevo dedicato a mia sorella Matilde per il suo compleanno, ma lo faccio stavolta!”.

Marche anche tra le donne nel martello juniores. Al primo anno di categoria Sara Zuccaro (Atl. Fabriano) si laurea campionessa italiana. La finalista europea allieve di Gyor 2018 cresce di oltre due metri fino a 55,50 con quattro lanci al di là del suo precedente primato personale di 53,46 e respinge l’assalto finale della friulana Isabella Martinis che prova a insidiarla all’ultimo turno con 54,04. Per l’atleta allenata da Giuseppe “Pino” Gagliardi un’altra grande soddisfazione, dopo i titoli conquistati da cadetta e da allieva, dimostrando ancora una volta le sue qualità agonistiche.

Sugli 800 metri è ancora Simone Barontini a dettare legge. Il ventenne della Sef Stamura Ancona vince il suo primo tricolore nella categoria promesse con una condotta di gara autoritaria, sempre in testa a dettare il ritmo. Poi il bicampione italiano assoluto indoor allunga nel rettilineo finale e chiude in 1:47.90, per tenere a bada il tentativo di rientro del lombardo Leonardo Cuzzolin. Adesso il mezzofondista cresciuto sotto la guida di Fabrizio Dubbini, è sempre più proiettato verso gli Europei under 23 di Gavle (Svezia, 11-14 luglio).

File allegati:
- Risultati

Simone Barontini (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate