Osimo: i verdetti del Cross Valmusone

26 Novembre 2017

Nella terza e ultima prova indicativa per gli Europei, vincono il 21enne emiliano Simone Colombini e la piemontese Valeria Roffino


 

Un successo anche quest’anno per il 5° Cross Valmusone a Osimo (Ancona). Nell’evento allestito dall’Atletica Amatori Osimo del presidente Alessandro Bracaccini, arrivano gli ultimi verdetti del trittico di gare in questa parte di stagione per la corsa campestre nazionale. A livello assoluto festeggiano la vittoria Simone Colombini (La Fratellanza 1874 Modena) e Valeria Roffino (Fiamme Azzurre) nella terza prova indicativa per gli Europei di cross del 10 dicembre a Samorin, in Slovacchia. Tra gli uomini il 21enne siepista emiliano in 30:20 su un percorso piuttosto impegnativo di 10 km precede il coetaneo e compagno di club Alessandro Giacobazzi (30:25), recente vincitore alla maratona di Torino, mentre il terzo posto è del lombardo Michele Fontana (Aeronautica, 30:26). Al femminile la 27enne biellese con un allungo nel finale chiude in 23:52 dopo 7 chilometri e replica il successo ottenuto a Levico Terme all’inizio di novembre, per lasciarsi alle spalle Silvia La Barbera (Cus Palermo, 23:59), che invece era riuscita a batterla due settimane fa a Sgonico, e l’altra piemontese Martina Merlo (Aeronautica, 24:00). In una mattinata dal clima tipicamente autunnale, con vento e pioggia a tratti, disputate anche le due inedite gare sui 2 chilometri in vista della staffetta mista alla rassegna continentale, vinte da Mohad Abdikadar (Aeronautica, 5:31) e dalla 18enne Gaia Sabbatini (Atl. Gran Sasso Teramo, 6:22). Nelle sfide giovanili si affermano gli azzurrini Sergiy Polikarpenko (Cus Torino, 18:12 sui 6 km), vicecampione europeo juniores dei 10.000 su pista, e la 17enne trentina Nadia Battocletti (Atl. Valli di Non e Sole), bronzo continentale U20 nei 3000 metri, con 13:10 al termine dei 4 chilometri sugli spazi verdi intorno al campo scuola della Vescovara.

Tra gli atleti delle Marche, quattordicesima tra le under 20 la portacolori di casa Azzurra Ilari, filottranese dell’Atletica Amatori Osimo, e sedicesimo posto dell’ascolano Stefano Massimi (Sef Stamura Ancona) nella gara assoluta maschile. Sui 2 chilometri le pesaresi Eleonora Vandi e Ilaria Sabbatini, ambedue dell’Atletica Avis Macerata, chiudono rispettivamente quarta e quinta, mentre Simone Barontini (Sef Stamura Ancona) finisce decimo.

La manifestazione organizzata in sinergia con i comuni di Filottrano, Recanati, Loreto e Montefano, oltre a quello di Osimo, era abbinata alla quarta e ultima prova del Campionato regionale di corsa campestre master, con lo svolgimento anche di gare dedicate al settore promozionale con esordienti, cadetti e ragazzi. A fare gli onori di casa Alex Andreoli, assessore allo sport del Comune di Osimo, insieme a Paola Andreoni, presidente del consiglio comunale di Osimo, con Fabio Luna, presidente Coni Marche, e Rossano Bartoli, segretario della Lega del Filo d’Oro. Presenti il direttore tecnico nazionale giovanile e allo sviluppo Stefano Baldini, campione olimpico della maratona ad Atene 2004, e Orlando Pizzolato, vincitore di due edizioni della maratona di New York, con il professor Luciano Gigliotti, tecnico degli olimpionici azzurri Bordin e Baldini.
 
UOMINI - Sono nati nello stesso anno, il 1996, e vengono entrambi da Pavullo nel Frignano, sull’Appennino emiliano. Oggi i due ragazzi che indossano anche la maglia della stessa società, La Fratellanza 1874 Modena, riescono a fare doppietta nella gara assoluta: vittoria in 30:20 per Simone Colombini, specialista dei 3000 siepi che l’hanno visto quarto nel 2015 agli Europei juniores e ottavo quest’anno alla rassegna continentale under 23. Si era già messo in luce nella prova inaugurale di Levico Terme, chiusa al terzo posto, ma stavolta centra il bersaglio grosso. Era invece il debutto stagionale sui prati di Alessandro Giacobazzi che dopo il successo di fine ottobre nella maratona di Torino (2h15:25) si alterna al comando con il compagno di squadra, evidenziando buona padronanza di corsa anche nelle discese, e poi coglie la seconda posizione in 30:25 per un soffio nei confronti di Michele Fontana. Il lombardo dell’Aeronautica, leader in Valsugana prima di piazzarsi quarto a Sgonico, sale sul terzo gradino del podio a Osimo con 30:26. Nel gruppo di testa a lungo anche il siciliano Giuseppe Gerratana (Aeronautica), quarto in 30:28, e l’altro under 23 Nadir Cavagna (Atl. Valle Brembana, 30:29) che aveva cercato la fuga nelle battute iniziali, più dietro il trentino Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe, 30:55) sul veneto Paolo Zanatta (Fiamme Oro), settimo con 31:02.

DONNE - La rivincita di Valeria Roffino.

Dopo il successo nella prova inaugurale, la piemontese delle Fiamme Azzurre era stata sconfitta al Carsolina Cross dalla siciliana Silvia La Barbera. Ma oggi si inverte l’ordine d’arrivo, in una gara femminile anche stavolta incerta ed equilibrata. La portacolori del Cus Palermo detta il ritmo nelle fasi centrali, però la biellese mette a segno l’azione risolutiva nell’ultimo giro e si impone in 23:52 contro 23:59. Poi la 24enne Martina Merlo (Aeronautica, 24:00) con un distacco minimo a completare il terzetto di testa, seguita da Sara Brogiato (Aeronautica, 24:07). Quinta e migliore delle promesse l’emiliana Christine Santi (Esercito, 24:16) su Chiara Spagnoli (24:31) e Mara Ghidini (24:37), entrambe dell’Atletica Brescia 1950.

2 KM - Molto combattute le gare brevi su un solo giro, disputate sotto la pioggia. Tra le donne vince la più giovane: Gaia Sabbatini (Atl. Gran Sasso Teramo), 18enne abruzzese protagonista dello spunto decisivo nella volata in 6:22 per superare Chiara Casolari (La Fratellanza 1874 Modena, 6:24), al comando per alcuni tratti, ed Elena Bellò (Fiamme Azzurre, 6:26), in testa all’ingresso del rettilineo conclusivo. Nella prova degli uomini successo piuttosto netto di Mohad Abdikadar (Aeronautica, 5:31) con Lorenzo Pilati (Atl. Valli di Non e Sole, 5:33) ad acciuffare nel finale il secondo posto davanti a Simone Bernardi (Atl. Imola Sacmi Avis, 5:34).

UNDER 20 - Sergiy Polikarpenko (Cus Torino) fa valere il suo rango di vicecampione europeo junior sui 10.000 metri e chiude bene nel finale per imporsi in 18:12. Ma c’è densità al maschile, con Ademe Cuneo (Atl. Cento Torri Pavia, 18:15) che si dimostra in crescita e un grintoso Jacopo De Marchi (Trieste Atletica, 18:18) al terzo posto, quindi Massimo Guerra (Atl. Vicentina, 18:19) autore di una bella progressione, il bergamasco Sebastiano Parolini (Atl. Casazza, 18:21) e il tricolore under 18 Luca Alfieri (Pbm Bovisio Masciago, 18:24). Sviluppo decisamente diverso al femminile, con due atlete a fare il vuoto: è Nadia Battocletti (Atl. Valli di Non e Sole, 13:10) a prevalere di misura sulla veneta Francesca Tommasi (Esercito, 13:12). Un’altra allieva, la genovese Ludovica Cavalli (Trionfo Ligure) finisce terza in 13:41 per mettere in fila Elisa Cherubini (Atl. Brescia 1950, 13:44), Micol Majori (N. Atl. Fanfulla Lodigiana, 13:47) e Laura De Marco (Fiamme Oro, 13:58).

I primi quattro nella gara assoluta maschile (foto di Gianni Le Moglie)

File allegati:
- Risultati

La partenza degli uomini (foto di Sauro Strappato)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate