Paralimpiadi: Dieng quinto nei 400 con record

31 Agosto 2021

Brillante gara in finale per il marchigiano a Tokyo con il primato italiano di categoria (48.42) migliorato di 38 centesimi, in attesa dei 1500 metri di venerdì

 

Alle Paralimpiadi di Tokyo l’astro nascente azzurro Ndiaga Dieng porta a casa un quinto posto inaspettato nella finale dei 400 metri T20. Lo specialista del mezzofondo, primatista mondiale degli 800 (distanza non in programma nelle rassegne internazionali), aveva tutte le carte in regola per affrontare il giro di pista e lasciare il segno. E così è stato per il 22enne di Montecassiano, portacolori dell’Atletica Avis Macerata e allenato da Maurizio Iesari, che nelle manifestazioni paralimpiche gareggia per l’Anthropos Civitanova. Il bronzo europeo dei 1500 riesce a frantumare il record italiano per ben 38 centesimi di secondo, correndo in 48.42 e diventando con questo crono uno dei più forti al mondo, in una categoria e in una gara fortemente competitive. Con una buona partenza e un recupero memorabile negli ultimi 50 metri Dieng, per tutti “Cenga”, esprime la sua felicità: “Ne avevo ancora nelle gambe nei cento metri conclusivi. Forse sono partito più piano di quanto avrei dovuto - racconta l’azzurro di origine senegalese - ma sono contentissimo di quello che ho fatto, ci ho provato fino all’ultimo. E poi chi se lo aspettava il record? Questo risultato mi dà molta fiducia per i 1500 (del 3 settembre)”. In batteria si era qualificato con 48.91, sesto complessivo, dopo aver tagliato il traguardo della sua batteria in quarta posizione. Un’altra atleta dell’Anthropos Civitanova, la pluricampionessa paralimpica Assunta Legnante, conquista l’argento nel disco F11 migliorando due volte il record europeo fino a 40,25.

File allegati:
- Risultati


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate