TRA BRESSANONE E TERAMO, IL GRANDE WEEK-END DEGLI ALLIEVI MARCHIGIANI




 
E’ di nuovo dell’allievo fermano Giovanni Mantovani, il risultato copertina di questo week-end atletico. Perché non è davvero da tutti ritoccare per quattro volte in meno di due mesi un primato regionale. E il giovane portacolori dello Sport Atletica Fermo ci è riuscito di nuovo, sullo sfondo delle Dolomiti, a Bressanone, in occasione della ventiseiesima edizione del Brixia Meeting. 14.04, per la precisione, l’imbattibile crono dell’ostacolista marchigiano sulle barriere alte dei 110 hs, a soli quattro centesimi (14.00) dal minimo di partecipazione per i prossimi Mondiali Allievi di Ostrava. Risultato che per il vice primatista nazionale dei 60 hs indoor (8.09) vale attualmente anche la migliore prestazione italiana stagionale under 18. Di seguito, la progressione cronometrica da guinnes di Giovanni Mantovani: 14.85 (hs da 1 m) - 14.33 – 14.28 – 14.04 (hs da 91 cm).  

Nella riunione altoatesina gli allievi delle Marche se la sono dovuta vedere, oltre che con il maltempo, con l’agguerrita concorrenza dei coetanei di Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Toscana, Trentino, Veneto e Alto Adige. Della partita anche una selezione del “Progetto Talento” e le temibili formazioni di Ticino (Svi), Slovenia, Baden (Ger) e Baviera (Ger). 

Oltre a Mantovani sul gradino più alto del podio è salito anche il lunghista Matteo Prencipe (Atl. Sangiorgese), autore di un’ottima serie di salti inaugurata con il 6,89 m della vittoria e mai al di sotto dei 6,80, con in mezzo un nullo millimetrico, ma visibilmente oltre i 7 metri. Medaglia di bronzo, invece, per il promettente discobolo Eduardo Albertazzi (ASA Ascoli) che con la misura di 49,85 m ha migliorato il suo precedente limite personale. Alle sue spalle, complice anche uno scivolone di troppo in pedana, l’altro talento ascolano Daniele De Santis, quarto con 48,76 m. Nei 400 hs, ottima prova di Francesco Pellicani (Atl. Recanati) che, oltre al terzo posto ha superato alla grande se stesso, fermando il cronometro a 56.27 (prec. 57.87). Nuovi primati personali anche per Umberto Maria Ciucani (Sport Atl. Fermo – 11.42/100 m), Valerio Marcozzi (Atl. Sangorgese – 24.11/200 m), Francesco Mogianesi (Atl. Montecassiano – 52.60/400 m), Mauro Biondi (Collection Atl. Sambenedettese – 13,58/peso), oltre che per Roberto Di Ruscio (Atl. Sangiorgese) che si è migliorato in tre specialità del pentathlon. Nell’asta si è, quindi, confermato a quota 3,90 m Leonardo Ottaviani (Atl. Avis Macerata). 

A livello femminile, secondo posto per la quattrocentista Chiara Natali (Atl. Elpidiense Avis-Aido) con un 55.84, crono frutto di un finale di gara in cui la marchigiana del “Progetto Talento” ha forse pagato il prezzo di un acceleratore troppo schiacciato nei primi 300 metri, cedendo, così, il passo alla lombarda Valentina Zappa (55.27). Nella stessa gara, in notevole crescita, invece, Lara Corradini, quinta con 56.95, suo nuovo personal best-time (prec. 57.89) con cui l’atleta della Sacen Corridonia conferma, dopo un inverno condizionato da una serie di problemi di salute, il suo buon momento. Come lei, la compagna di squadra Valentina Procaccini che, nei 200 m, si è migliorata fino a 25.92. Nel lungo, a Caterina Paladini (Sport DLF Ancona) è bastato un solo centimetro per ritoccare il suo record a 5,42 m. Nell’alto femminile, dopo una non prevista variazione d’orario della gara spostata dal mattino al primo pomeriggio, Enrica Cipolloni (Collection Atl. Sambenedettese) ha concluso al quarto posto con 1,69 m. Personali anche per le due mezzofondiste Roberta Zucchini (Track Club Civitanova M. - 2.26.31/800 m) e Alessia Pistilli (Atl. Avis Macerata – 5:06.60/1500 m).  

La rappresentativa della nostra regione ha così concluso la manifestazione con il settimo posto in classifica generale, significativo progresso rispetto all’ottavo del 2006.               

Di seguito, tutti i risultati della squadra under 18 delle Marche che ha preso parte al 26° Brixia Meeting (in rosso, i nuovi primati personali stabiliti). 

ALLIEVI: 100: Umberto Maria Ciucani (Sport Atl. Fermo – 11.42); 200: Valerio Marcozzi (Atl. Sangiorgese - 24.11); 400: Francesco Mogianesi (Atl. Montecassiano - 52.60); 800: Andrea Malaccari (Atl. Maxicar Civitanova – 2:00.86); 1500:  Massimiliano Strappato (Atl. Amatori Osimo - 4.12.66); 2.000 St: Fabio Pagnanini (Atl. Maxicar Civitanova - 7.12.02) ; 110 hs: Giovanni Mantovani (Sport Atl. Fermo - 14.04); 400 hs: Francesco Pellicani (Atl. Recanati - 56.27); alto: Matteo Sargentoni (Atl. Castelfidardo - 1.90); lungo: Matteo Prencipe (Atl. Sangiorgese – 6,89); asta: Leonardo Ottaviani (Atl. Avis Macerata - 3.90); peso: Mauro Biondi (Collection Atl. Sambenedettese – 13.58); disco: Daniele De Santis (ASA Ascoli - 48.76) + (ind.) Eduardo Albertazzi (ASA Ascoli – 49.85); giavellotto: Gianluca Tamberi (Atl. Fabriano – Osimo – 51.80); 4 x 100: Ciucani-Prencipe-Marcozzi-Corradini-Mantovani (43.85); pentathlon: Roberto Di Ruscio (Atl. Sangiorgese – 2.769 pt)

ALLIEVE: 100: Ilaria Giretti (Sport Atl. Fermo - 12.80); 200: Valentina Procaccini (Sacen Corridonia – 25.92); 400: Chiara Natali (Atl. Elpidiense Avis-Aido – 55.84) + Lara Corradini (Sacen Corridonia – 56.95); 800: Roberta Zucchini (Track Club Civitanova M. - 2.26.31); 1.500: Alessia Pistilli (Atl. Avis Macerata – 5:06.60); 100 hs: Daniela Spadoni (CUS Urbino – 15.14); 400 hs: Francesca Renzi (Atl. TreValli AN – 1:07.05); alto: Enrica Cipolloni (Collection Atl. Sambenedettese – 1,69); lungo: Caterina Paladini (Sport DLF Ancona – 5,42); peso: M. Chiara Catena (Cus Urbino – 8,81); disco: M. Chiara Catena (Cus Urbino – 25,95); giavellotto: Giulia Capecchi (Alma Juventus Fano – 23,65); 4x100: Giretti-Procaccini-Corradini-Natali (48.59); pentathlon: Irene Piergentili (Sport Atl. Fermo - 2.472 pt.)  

Da segnalare la presenza in gara a Bressanone, nella staffetta 4x100 del “Progetto Talento”, dello junior Alessandro Berdini (Atl. Avis, Macerata) che, insieme a Berti Rigo, Deimichei e Pertile, ha scatenato un inarrivabile 40.69. 

Non solo Brixia, però. Non bisogna, infatti, dimenticare che questo week-end era in programma anche la seconda fase dei Campionati di Società Allievi. I club delle Marche, insieme a quelli dell’Abruzzo, sono scesi in pista a Teramo, dove, nonostante la pioggia, non sono mancate eccellenti prestazioni. Da incorniciare il 12,91 m della triplista Federica De Santis (ASA Ascoli) che, dopo il 12,78 di sette giorni fa ai CdS Assoluti di Macerata, si è ulteriormente migliorata atterrando a soli 2 cm dal suo personale (12,93). Misura grazie a cui la saltatrice ascolana conquista, però, il minimo per gli Europei Juniores di Hengelo.

Pedana del triplo magica anche per l’allievo Andrea Giuliodoro (Atl. Castelfidardo 1990 R.C.) che ha centrato un lunghissimo hop-step-jump da 13,98 m, vale a dire 21 cm in più del suo fresco personal best (13,77 m). In gran forma anche le due marciatrici dell’Apos Corridonia, Medith Paoletti e Francesca Montalboddi, rispettivamente prima (26.22:52) e seconda (26:46.33) nella 5 km. Bene, infine, Elisa Cesari (Atl. Amatori Osimo), vincitrice dei 1500 m in 5:01.86.



Condividi con
Seguici su: