Vola lontano il disco di Albertazzi




 

Ancora un grande risultato per il discobolo Eduardo Albertazzi. Oggi pomeriggio a San Benedetto del Tronto, in una gara regionale organizzata dalla Collection Atletica, l’ascolano ha lanciato a 62.26 metri (serie completa: 59.51; 62.26; 59.62; X; X; 60.48): una misura superiore al primato italiano juniores di 61.50 da lui ottenuto due mesi fa (il 7 marzo) sulla stessa pedana, con l’attrezzo da 1,750 kg. Stavolta però la sua prestazione non potrà essere riconosciuta come record, in quanto le norme del regolamento federale prevedono, come requisito imprescindibile per l'omologazione, il fatto che il risultato venga realizzato in una gara con almeno tre atleti della stessa categoria e dotati del medesimo attrezzo. Non è stato così nella gara odierna, dove Albertazzi era l'unico atleta di categoria juniores iscritto. Entrato da poco nel gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, dopo essere cresciuto nell’ASA Ascoli sotto la guida di Armando De Vincentis, il gigante diciottenne (due metri di statura) si insedia comunque al quarto posto delle liste mondiali stagionali tra gli juniores, a circa un metro dalla vetta (dove si trova il lituano Gudzius con 63.32), nell’anno della rassegna iridata under 20, prevista a Moncton (Canada, 19-25 luglio). E per quest’appuntamento, sempre oggi, ha raggiunto il minimo richiesto (posto a 55.00) la martellista Sara Pizi: 55.97 al quinto lancio per la junior della Tecno Adriatletica Marche, seguita dal tecnico Federico Latini, che si conferma in costante progresso. La gara del martello femminile ha visto il successo della toscana Elisa Palmieri (Esercito) con 61.44, mentre al terzo posto (dietro alla compagna di squadra Pizi) si è piazzata Aurora Narcisi (TAM), anche lei al primato personale grazie a una terza prova da 54.23 e allenata, come la vincitrice, dal caposettore nazionale Nicola Silvaggi.

 

LA SCHEDA 
ALBERTAZZI Eduardo (Disco)

Nato a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) il 14/9/1991 (2.00m/115kg)

Società: Fiamme Gialle

Allenatore: Armando De Vincentis

Curriculum: campione italiano allievi 2007 e 2008; campione italiano juniores 2009 (estivo e invernale). Mondiali juniores: 13° in qualificazione (2008); Europei juniores: non classificato in qualificazione (2009).
Primati personali: (1,750 kg) 62.26 San Benedetto del Tronto 5/5/2010; (2 kg) 55.07 Ascoli Piceno 24/4/2010

Considerata la struttura fisica, era logico che si dedicasse al basket come prima attività sportiva: ma l’esperienza vissuta presso l’Olimpia Villa Pigna non l’ha assolutamente soddisfatto. Consigliato dall’ex primatista italiano Armando De Vincentis, nel settembre 2006 si è presentato a provare con il disco al Campo Scuola di Ascoli Piceno: e in pochi mesi ha bruciato le tappe, stabilendo i primati italiani allievi con l’attrezzo della categoria (58.51) e con quello degli juniores (54.60, minimo per i Mondiali “under 20”: a Bydgoszcz ha poi sfiorato l’ingresso in finale). Anche al debutto tra gli juniores ha continuato a progredire, migliorando il limite italiano di categoria due volte nel 2009: prima con 58.59 a Bari, poi con 59.87 a Rieti, fino al record di San Benedetto del Tronto (61.50 il 7 marzo 2010). Risiede ad Ascoli Piceno e frequenta il Liceo classico.


Nelle immagini, il discobolo Eduardo Albertazzi in azione agli Europei juniores 2009 di Novi Sad (foto di Giancarlo Colombo/FIDAL) e la sua soddisfazione dopo il 62.26 di San Benedetto del Tronto; più in basso, la martellista Sara Pizi



 in quanto le norme del regolamento federale prevedono come requisito imprescindibile per l'omologazione del record, il fatto che il risultato venga realizzato in una gara con almeno 3 atleti della stessa categoria e dotati del medesimo attrezzo. Non è stato così nella gara odierna dove Albertazzi era l'unico atleta di categoria juniores iscritto



Condividi con
Seguici su: