Europei, che Barontini: settimo con il personale

21 Agosto 2022

Nella finale degli 800 metri, a Monaco di Baviera, l’anconetano si migliora di nuovo in questa stagione: 1:45.66 con una prova di carattere nella gara più importante dell’anno

 

Il miglior Simone Barontini di sempre, agli Europei di Monaco di Baviera. Nella finale degli 800 metri, l’anconetano è settimo con il record personale di 1:45.66. Ma il 23enne delle Fiamme Azzurre riesce a farsi notare anche per il carattere con cui si porta in testa dopo duecento metri, senza timore e senza uscire con il rimpianto di non averci provato, in una gara che sfocia nel lungo spalla a spalla tra lo spagnolo oro mondiale indoor Mariano Garcia (1:44.85) e il britannico campione mondiale dei 1500 Jake Wightman (1:44.91). Bronzo all’irlandese Mark English (1:45.19). Al traguardo il marchigiano allenato da Fabrizio Dubbini può ritenersi felice di come si sia districato nei tre turni della sua prova. Anche nell’ultimo atto, dopo il blitz iniziale, è sempre nel cuore dell’azione, a ridosso dei più bravi, maturo al punto giusto per il salto di qualità anche cronometrico che è nelle sue corde.

“È una gara che mi lascia un po’ a metà, molto felice, certo, ma mi ha riportato un po’ con i piedi per terra”, le parole del mezzofondista che si migliora per la seconda volta in questa stagione dopo il sesto posto con 1:45.92 ai Giochi del Mediterraneo di Orano, in Algeria, ed è sceso sotto 1:46 anche nella batteria in Germania (1:45.98). “Quando si sogna è così, si vola tanto in alto col pensiero e ci si prova con le gambe. Purtroppo più di questo non ne avevo. Ho migliorato il personale, più di così non potevo fare. Mi sono anche trovato in testa, gli altri hanno rallentato di botto, io più gradualmente, ma non avevo paura di starci. Da tanto sogno di essere a questi livelli, lavorerò molto per esserci anche in modo migliore”.


(foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate