Macerata: l’atletica riparte per San Giuliano

04 Settembre 2022

Nel classico meeting di inizio settembre, il giavellottista Salvucci avvicina il personale con il miglior risultato tra gli uomini. Al femminile Vandi si aggiudica i 200 metri

 

È una tradizione che si rinnova, quella del Meeting San Giuliano in occasione della festa patronale a Macerata. Una grande classica dell’atletica, arrivata all’edizione numero 34 allo stadio Helvia Recina, per aprire la seconda parte di stagione. Il protagonista al maschile è ancora una volta Emanuele Salvucci, autore nel giavellotto di una spallata a 68.99 che vale la seconda misura in carriera a un paio di metri dal personale di 71.19 ottenuto l’anno scorso. Con questo risultato il lanciatore dell’Atletica Avis Macerata, società organizzatrice dell’evento, conquista il Memorial intitolato al nonno Delio Salvucci, tra i fondatori del sodalizio di cui è stato vicepresidente, e al papà Stefano. Per la migliore prestazione femminile viene invece premiata Elisabetta Vandi (Fiamme Oro), al successo nei 200 metri in 24”49 controvento (-1.7). La 22enne pesarese proveniente proprio dal club avisino si impone davanti a Benedetta Boriani (Sef Stamura Ancona, 24”88), quest’anno brillante quarta nella rassegna tricolore under 23, e all’allieva Alice Pagliarini (Atl. Fano Techfem) che si migliora con 25”09 al rientro dopo un’estate di trionfi in maglia azzurra.

Continuano a crescere i giovani: nel triplo con un balzo a 15.58 (+2.0) firma il personale all’aperto Valerio De Angelis (Asa Ascoli Piceno), vicecampione italiano promesse indoor, dopo averlo già superato in precedenza con 15.36 e 15.41. Tra gli allievi il giavellottista Pietro Colonnella (Asa Ascoli Piceno) allunga di oltre cinque metri con 65.30 e nell’alto Riccardo Ricci (Atl. Avis Macerata) valica la quota di 1.93 alla prima prova, per un centimetro di progresso. Al maschile nei 200 passo avanti della promessa Michele Ferracuti (Sport Atl. Fermo) in 21”82 (-1.0). Applausi nei 1500 per Ndiaga Dieng (Atl. Avis Macerata), bronzo paralimpico su questa distanza a Tokyo nella scorsa estate, che domina in 4’00”29. Negli 80 cadetti di nuovo in luce Francesco Pagliarini (Atl. Fano Techfem), autore di una volata vincente in 9”23 (-0.6), e Caroline Escobar (Sport Atl. Fermo), classe 2008, che scende a 10”12 con vento nullo. Ad arricchire il programma del meeting, le gare della Coppa Italia di lanci Fispes e Fisdir in collaborazione con l’Anthropos Civitanova del presidente Nelio Piermattei.

La classifica finale del Trofeo Banca Macerata vede quindi l’affermazione della Sport Atletica Fermo al maschile e della Collection Atletica Sambenedettese al femminile. Ospiti gli azzurri della ginnastica Andrea Cingolani e Matteo Levantesi, saliti sul podio ai recenti Europei, e Giorgio Luzi, presidente della Virtus Pasqualetti Macerata. Presenti tra gli altri Giovanni Torresi, vicepresidente Coni Marche, e Fabio Romagnoli, delegato Coni Macerata, con il presidente Avis comunale Gaetano Ripani, insieme a Gabriella Trisolino, vicepresidente FIDAL Marche, e Andrea Corradini, consigliere regionale.

Elisabetta Vandi

Ndiaga Dieng

Riccardo Ricci

La premiazione di Francesco Pagliarini con il ginnasta Andrea Cingolani
(foto di Maurizio Iesari)

File allegati:
- Risultati


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate